"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Zona Regioni – La sciatteria di Viale Corsica

Viale Corsica, Municipio 4, è un bel viale con una grande parte centrale riservata ai mezzi pubblici e ben quattro filari d’alberi sui lati nella parte centrale.

Messo così potrebbe apparire un gradevole viale alberato, peccato che non lo sia e in alcuni punti si avverta la solita sciatteria tipica di Milano.

viale-corsica

Perché dovrebbe essere curato meglio? Perché il viale è la prima porta che chi entra in città dall’aeroporto Forlanini vede e quindi meriterebbe un’attenzione in più. Come al solito il principale problema sono i parcheggi sotto gli alberi e sui marciapiedi, veri creatori di disordine. Poi le incongruenze e le cose buttate lì tanto per fare; spieghiamo: all’inizio del viale un tempo vi era una rotatoria dei tram che permetteva ai mezzi con rotaie di invertire il percorso senza il bisogno di andare al capolinea distante almeno due chilometri, eliminato qualche decennio fa; da qualche anno le vecchie e inutilizzate rotaie sono state coperte in parte o bloccate da paletti. Ma non ovunque, solo in alcuni punti, lasciando un bel parcheggio sicuro e disordinato in altri punti, come si vede dalle immagini qui sotto.

 

2016-06-20_viale_corsica_1 2016-06-20_viale_corsica_2 2016-06-20_viale_corsica_3 2016-09-24_viale_corsica_1 2016-09-24_viale_corsica_2

Il primo tratto, quello più stretto che va da viale Campania alla via Privata Francesco Bartolozzi, è stato riqualificato tempo fa allo stesso modo di Corso XXII Marzo, in parte però. Il primo tratto è senza alberi per via della fermata dei tram, mentre sul lato pari le auto si possono parcheggiare sotto le piante. Naturalmente davanti al Brico Center e al Simply, visto che il palazzo qualche anno fa è stato riqualificato, anche il marciapiede è stato sistemato, ed è perfetto e bello.

1_viale_corsica_11_viale_corsica_2viale_corsica_12016-09-24_viale_corsica_3 2016-09-24_viale_corsica_4

Poi si giunge all’incrocio con via Luisa Battistotti Sassi dove si trova la rotatoria del tram in disuso e che ancora affiora, l’infinita piantagione di pali e paletti oltre a colate di cemento dove potrebbero esserci delle aiuole.

2016-09-24_viale_corsica_5 2016-09-24_viale_corsica_6 2016-09-24_viale_corsica_7 2016-09-24_viale_corsica_8 2016-09-24_viale_corsica_9 2016-09-24_viale_corsica_10 2016-09-24_viale_corsica_11

 

Come ci ha segnalato il nostro lettore Matteo B., che ringraziamo per alcune foto, il viale ha quest’aspetto di abbandono da parte delle autorità e di chi in teoria dovrebbe mantenere un certo decoro. Anzitutto le centraline elettriche, che altrove sono state riqualificate con cartelli pubblicitari e disegni artistici qui pare se le siano dimenticate e alcune sono rotte e imbrattate. Oltre alle auto parcheggiate ovunque e in qualsiasi buco disponibile, la presenza di ambulanti abusivi, occupazioni non autorizzate (e autorizzate) del marciapiede per attività commerciali, transenne e blocchi di cemento abbandonati, sono l’esempio più evidente e scoraggiante dell’assenza di qualsivoglia presidio, controllo ed intervento da parte delle Forze dell’ordine e delle Amministrazioni locali.

2016-09-24_viale_corsica_12 2016-09-24_viale_corsica_13 2016-09-24_viale_corsica_14 2016-09-24_viale_corsica_15

 

Altra battaglia di alcuni abitanti della zona riguarda la presenza del fioraio all’angolo con via Lomellina che a quanto pare parcheggia grossi camion sul marciapiede utilizzandoli come magazzino. Aggiungendo degrado al degrado circostante.

2015_lomellina_corsica_12015_lomellina_corsica_22016-09-24_viale_corsica_16 2016-09-24_viale_corsica_17 2016-09-24_viale_corsica_18

Concludiamo con la parte terminale del viale e con le immagini che documentano lo stato d’abbandono e la necessità di prestare maggiore attenzione al decoro della via. Basterebbe sistemare meglio, occuparsi delle aiuole e creare parcheggi dove possibile belli e ordinati. La città non può accogliere gli ospiti che arrivano dall’aeroporto in questo modo, nè può lasciare che i cittadini abitino spazi tanto disordinati.

2014-10-26-via-azzo-carbonera-corsica-1 2014-10-26-via-azzo-carbonera-corsica-221_viale_corsica_3 2016-03-20_viale_corsica_12016-03-20_viale_corsica_2

Pensare che la parallela Via Giacomo Zanella una volta ultimati i palazzi residenziali costruiti al posto della fabbrica della Motta è stata sistemata in modo impeccabile, come dovrebbero essere fatte tutte le vie di Milano.

2014-10-26-regioni-zanella-1 2014-10-26-regioni-zanella-2 2014-10-26-regioni-zanella-3

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


16 thoughts on “Milano | Zona Regioni – La sciatteria di Viale Corsica

  1. Adriano

    Fate vedere le ultime due foto all’assessore all’urbanistica sia mai che impari qualcosa e proponga queste soluzioni anzichè le cose fatte dal precedente assessore in zona tortona, delle schifezze indegne.
    Perchè non si abituano a copiare quello che è riuscito bene a milano.
    Bho..

  2. -Ale-

    Sequenza di foto educative. Oltre che mostrarlo agli assessori, io ne farei una campagna per i cittadini, in tutti i luoghi pubblici, nei condomini. Mostrare la differenza tra ordine=bello, confusione=degrado.
    Sei i cittadini diventano sensibili, l’amministrazione non ha più alibi

  3. andrea

    FINALMENTE!!! Grazie mille per aver fatto un servizio su Viale Corsica. Ci abito da anni ed è un pugno in un occhio vedere tutta questa sciatteria. Corso XXII Marzo e Viale Corsica sono un unico viale continuo ma solo ordinato a metà.
    Spero proprio che il Comune venga maggiormente sensibilizzato verso una delle principali porte di Milano (Stazione centrale e Areoporto di Linate).

    Continuate così!!

  4. fabio

    spero facciate vedere anche i risultati assurdi ottenuti con il riordino della viabilità di via Mezzofanti, a distanza di mesi la situazione è grottesca, c’è sempre coda, la sosta in doppia fila è ancora più di intralcio a causa del parcheggio a spina, agli incroci le auto sostano selvaggiamente peggiorando la visibilità e la sicurezza, è pericoloso anche far scendere se non si trova parcheggio visto lo spazio ridotto della corsia, inoltre nessun arredo urbano, solo colate di asfalto, un ampliamento dei marciapiedi che ha solo moltiplicato la superficie imbrattata dalle deiezioni canine….e la velocità degli imbecilli nelle ore serali e notturne è addirittura aumentata per effetto delle “chicanes”

    1. Marco

      sì ma sono di gran lunga aumentati i parcheggi quindi dire che “è pericoloso anche far scendere se non si trova parcheggio” mi sembra un non problema, si fa scendere dove si trova spazio e si può non dove si ha voglia, questa cosa del “in strada mi fermo e parcheggio dove mi pare e piace” esiste solo da noi…
      L’unica cosa che manca per dare ordine è la segnaletica orizzontale.

      Su viale Corsica niente da dire, imbarazzante (ci abito)

    2. esse

      Proprio in merito a via Mezzofanti, durante i lavori scrissi al Comune suggerendo di “avverdire” le isole sulla carreggiata con fioriere o piccole piantumazioni, al posto delle (future) colate di bitume. Mi risposero che il verde sarebbe stato predisposto ad ultimazioni dei lavori della M4.
      Ennesima occasione persa.

    3. roberto

      probabilmente hanno realizzato quello che dovrebbero fare dappertutto, cioè dare una definizione fisica degli spazi, inutile creare più corsie o più larghe se poi verranno sistematicamente ristrette da auto lasciate in maniera selvaggia. Bisogna cambiare la cultura che usando l’auto di pensare che quando si arriva a destinazione, anche sapendo che ci saranno problemi di parcheggio, un buco lo si trova comunque.Niente, o blocchi tutto o si torna indietro o ci si ferma distante: in pratica si rispetta per forza di cose le regole.

    4. anonimous

      Ma meglio che ci siano file!
      Vogliamo ricordare la velocità da pazzi di tutti gli automobilisti in Mezzofanti?
      L’incrocio con via Pannonia è tremendo per i pedoni, sicurezza zero, automobilisti impazziti e che non danno alcuna precedenza!
      Forse saranno più convinti a transitare su viale Corsica e poi per viale Campania se l’obiettivo è zona Argonne o città Studi.
      Son ben felice di non dover più transitare a piedi per la zona date le molte falciature che ho rischiato. Non passandoci più da mesi non so come sia stata sistemata via don San Martino – soprattutto con tutte le file dei suv di mammine e papini che vanno a prendere i figli alla Andersen

  5. wf

    La vera zona indegna è il marciapiede, o per meglio dire marcia auto, tra il simply e via negroli.

    Auto parcheggiate davanti e in mezzo ai bar e caffè sopra aiuole sterrate e marciapiedi. Riducendo un marciapiede che potrebbe essere ampio e gradevole a una striscia puzzolente di auto e lamiera.

    Potrebbero esserci dehor, tavolini, gradevolezza e sviluppo economico, invece c’è un lungo sfaciacarrozze.

    La differenza con corso xx2 marzo è tutta li.
    Non si può parcheggiare fisicamente sul marciapiede rialzato.
    Quindi la gente cammina e fa shopping.
    Quindi anche i locali che aprono sono meglio più remunerativi e di un livello superiore.

  6. Anonimo

    È’ assurdo che nel 2016 il comune permetta ancora agli automobilisti certi comportamenti ma la cosa più assurda e’ che ormai sanno con certezza che 9 volte su 10 la fanno franca…

    1. wf

      Sui marciapiedi di viale Corsica la certezza è 10 su 10.
      Devo dire che sembra tollerato da tutti gli esercizi commerciali.
      Non capisco come si vede dalle foto che le auto sulle aiuole a destra sconfinano con i musi dentro lo spazio marciapiede tra i palazzi e le auto.

      Praticamente il pedone a volte in due non ci passa.
      Figurati se uno ha il piacere di andarsi a prendere un caffè o passeggiare in gimkana.
      Si va direttamente a dopo simply in corso xx2 marzo.
      Non capisco come i baristi e commercianti non capiscano di perdere soldi e clienti a palate.
      Anche perché sono tutti residenti locali i potenziali clienti, non certo hanno bisogno del parcheggio libero, verrebbero a piedi da casa.

      Ps.
      Anonimo scegli un nickname a caso, così le discussioni si seguono meglio.

  7. fabio

    carissimi Marco e Roberto che velocità nel giudicare i comportamenti altrui, che facilità nel sentenziare sulle difficoltà altrui…immagino spesa quotidiana in bici nella botteguccia Bio per esigenze da single ….o vi capita di scaricare le sporte slunga per la spesa settimanale di una famiglia di 5 persone ?..nessun anziano con difficoltà a deambulare o disabile in famiglia ? nessuno vuole parcheggiare sotto casa ma avere lo spazio necessario per una breve fermata magari si, per quanto riguarda l’aumento del numero dei posti invito a farsi un giro e valutare la sosta selvaggia verso le 22,30 quando torno a casa io….posto libero non ne trovo neppure in piranesi,carbonera, calamatta, battistotti, argonne, lomellina, marescalchi, ajaccio ecc,ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.