"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Crescenzago – Quartiere Adriano parte 1: tra passato e futuro

2016-11-27_quartiere_adriano_0

Il quartiere Adriano è il quartiere che si sviluppa a nord di Crescenzago e della Martesana lungo la via Adriano.

Il primo tratto parte proprio dall’antico nucleo di Crescenzago con ancora la presenza delle vecchie case del primo Novecento, quando ancora la zona era parte del comune del piccolo paesino poi inglobato, come altri, nel 1923. In questo tratto la via Adriano, dedicata all’imperatore romano, è molto stretta e ha un arredo urbano decente dovuto ad una riqualificazione avvenuta nel 2002 che ha riguardato l’area antistante la bellissima chiesa di Santa Maria Rossa, via Berra e lo slargo dove si trova l’ex municipio del piccolo e antico comune.

crescenzago_via_adriano_ex_municipio2016-11-27_quartiere_adriano_0a

Quasi come una favela ci troviamo davanti il palazzo “spezzato” (per un allargamento della via attuato negli anni Cinquanta o Sessanta) il cui ingresso è in Via S. Mamete al 3. Eliminando il palazzo che si affacciava su via Adriano, l’edificio che si trovava all’interno è rimasto scoperto mostrando una brutta casa di ringhiera sopralzata e malmessa che ospita sul davanti un’autofficina e un ferramenta.

2016-11-27_quartiere_adriano_0b 2016-11-27_quartiere_adriano_0c

Lasciamo il “passato” del quartiere e addentriamoci nel “futuro”. Di fronte infatti si trova il Loft del 51, un edificio creato pochi anni fa con un accattivante aspetto da industrial-chic, realizzato dallo studio di architettura di Andrea Marelli Architetto.

2016-11-27_quartiere_adriano_0d2016-11-30_adriano51_12014-06-29-adriano51-19

Proseguendo eccoci davanti ad un ex fabbricato scolastico ora in fase di demolizione e recupero, occupato e diventato rifugio di rapinatori e spacciatori per lungo tempo, poi sgomberato solo un anno fa. Era proprietà dall’Aler, ora passato al comune di Milano.

2016-11-27_quartiere_adriano_0e 2016-11-27_quartiere_adriano_0f 2016-11-27_quartiere_adriano_0g

Ma il grande rinnovo lo si deve al progetto del quartiere Adriano sorto dove si trovavano gli ex stabilimenti industriali della “Magneti-Marelli”. Un piano approvato negli anni tra il 2004 e il 2006 su disegno dello studio dell’arch. Caputo.

Il quartiere, con l’impulso della bolla immobiliare di quegli anni, parte alla grande per poi naufragare miseramente nel 2008 e viene solo parzialmente realizzato, vista la contrazione generale delle vendite: non vengono infatti erette tre torri ed altri edifici residenziali inizialmente previsti. Nel frattempo cominciano i lavori di urbanizzazione primaria, con l’allargamento dell’asse di Via Adriano (dove dovrà passare la tramvia Sesto Marelli-Cascina Gobba, prolungamento della linea 7) e si inaugurano i lavori di allestimento del tratto finale della Strada Interquartiere Nord, tutti progetti naturalmente ancora in sospeso o cancellati dopo anni.

Nel 2009 i cantieri degli altri edifici non ancora avviati vengono congelati definitivamente. Così nel quartiere troviamo ancora oggi aree ben realizzate e aree completamente abbandonate.

A luglio 2016 la Giunta annuncia un programma di recupero e riqualificazione ambiziosi dell’intero quartiere: un parco pubblico, una nuova scuola, il prolungamento della linea 7 del tram, il miglioramento delle stazioni della metro M2, la riqualificazione dell’ex campo nomadi di via Idro. Le opere saranno finanziate con 18 milioni di euro provenienti dal contenzioso del Comune con i costruttori, ai quali si aggiungeranno i 25 milioni stanziati dal Governo con un bando periferie per la città e i Comuni dell’area metropolitana.

Il nostro giro passa dall’Esselunga di via Adriano, dove si trova una piccola piazza commerciale cresciuta attorno al vecchio rifugio antiaereo della Seconda Guerra Mondiale. Secondo noi poteva essere meglio integrata la torre conica del vecchio rifugio, perché piazzata così com’è pare lì per caso.

2016-11-27_quartiere_adriano_12016-11-27_quartiere_adriano_3 2016-11-27_quartiere_adriano_4 2016-11-27_quartiere_adriano_5 2016-11-27_quartiere_adriano_6 2016-11-27_quartiere_adriano_7

La bella Torre Dacia, con i suoi 77 metri e 23 piani, è l’edificio più alto di Parco Adriano. Progetto dell’arch. Paolo Caputo, ancora appare desolatamente solitaria e un po’ deserta.

2016-11-27_quartiere_adriano_8 2016-11-27_quartiere_adriano_9 2016-11-27_quartiere_adriano_10 2016-11-27_quartiere_adriano_11 2016-11-27_quartiere_adriano_12 2016-11-27_quartiere_adriano_13 2016-11-27_quartiere_adriano_14 2016-11-27_quartiere_adriano_15 2016-11-27_quartiere_adriano_16 2016-11-27_quartiere_adriano_17

Strade e viali sono ben disegnati, peccato che attorno non ci sia nulla… per ora.

2016-11-27_quartiere_adriano_18

Attorno alla torre dell’acqua, dalla forma caratteristica e distintiva, doveva sorgere un centro commerciale e servizi, al momento sospeso, così come le torri gemelle alle due già realizzate sul lato opposto.

2016-11-27_quartiere_adriano_19 2016-11-27_quartiere_adriano_20 2016-11-27_quartiere_adriano_21 2016-11-27_quartiere_adriano_21a 2016-11-27_quartiere_adriano_22 2016-11-27_quartiere_adriano_23 2016-11-27_quartiere_adriano_24

 

Altro settore ancora nell’oblio è quello che doveva sorgere dove si trova la torre dell’acqua. Un centro commerciale e uffici mai realizzato che ora sarà ripensato, ma che ancora rimane inutilizzato. La torre a fungo è il simbolo del quartiere. Mentre al margine si trova l’abbozzo della strada interquartiere che dovrebbe fungere da arteria di grande scorrimento ma che finisce nel nulla in via Ponte Nuovo. In compenso i tralicci elettrici fanno da cornice un po’ inquietante alla zona.

2016-12-07_adriano_1 2016-12-07_adriano_2 2016-12-07_adriano_3 2016-12-07_adriano_4 2016-12-07_adriano_5 2016-12-07_adriano_6 2016-12-07_adriano_7 2016-12-07_adriano_8 2016-12-07_adriano_9

Risaliamo a nord del quartiere.

2016-11-27_quartiere_adriano_25

Per fortuna il bel parco centrale, dedicato solo un anno fa a Franca Rame è vivo e ben tenuto.

2016-11-27_quartiere_adriano_26 2016-11-27_quartiere_adriano_27 2016-11-27_quartiere_adriano_28

Le villette lungo via Tognazzi, solo quelle sul lato pari, sono ancora bloccate e in forte degrado.

2016-11-27_quartiere_adriano_29quartiere_adriano_via_tognazi_1quartiere_adriano_via_tognazi_2

2016-11-27_quartiere_adriano_30

Per concludere la prima parte del nostro reportage sul quartiere Adriano, eccoci allo scheletro abbandonato di via Adriano, tra via Mulas e via Tremelloni, che doveva diventare una residenza per anziani, ma che, con il fallimento della società costruttrice, ora è un ricovero improvvisato per disadattati e sbandati, rendendolo quasi un ennesimo fortino del degrado.

Il comune di Milano aveva chiesto di requisire l’area della residenza per anziani, ritenendo un peccato demolirla. Ma la prefettura pare abbia respinto la richiesta, per cui la situazione è in stallo. Vedremo se il Comune riuscirà a sbloccare, come promesso, per il prossimo anno anche questo bel problema ereditato da questo progetto, partito alla grande ma arenatosi per una serie infinita di sfortune.

2016-11-27_quartiere_adriano_31 2016-11-27_quartiere_adriano_32

A fianco della “residenza” abbandonata c’è il grande parterre progettato per ospitare i binari della linea tranviaria del 7 proveniente da Precotto.

L’assessore Granelli a luglio aveva annunciato così:

Il tram 7: la metrotranvia che collega M5 Bicocca, Greco Pirelli FS, M1 Precotto sarà allungata fino al quartiere Adriano con il nuovo capolinea a fianco di via Adriano 60, con un investimento di 18 milioni di €. L’opera sarà inserita nel progetto del bando periferie a cui oggi la Giunta ha dato il proprio assenso e che sarà deliberato il prossimo 24 agosto. Una metrotranvia che in futuro giungerà fino a M2 Cascina Gobba.

prolungamento-linea7_adriano

Speriamo partano i lavori quanto prima, per unire meglio il quartiere con la linea 1 a Precotto e la linea 5 alla Bicocca.

2016-11-27_quartiere_adriano_33

 

L’ultimo nostro articolo-reportage fatto sul quartiere risale al 2014.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.