"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Ronchetto sul Naviglio – Nuovo complesso residenziale sul Naviglio

Ronchetto_Naviglio_manfredonia_01

Segnaliamo quest’intervento di edilizia residenziale in via Manfredonia, una traversa di via Lodovico il Moro a Ronchetto sul Naviglio, progettato dallo Studio di Daniele Fiori e Partners.

Manfredonia è un progetto di ristrutturazione edilizia con demolizione e ricostruzione fuori sagoma. L’intervento è sottoposto a vincolo dei Navigli di Milano.
Prevede la riqualificazione e la trasformazione a funzione residenziale di un’area in precedenza adibita prevalentemente a uffici/archivi, con una piccola parte ad uso abitativo, attualmente in condizioni di abbandono e di forte degrado edilizio, attraverso interventi previsti dalla strumentazione urbanistica e dalla normativa vigente in materia.
Il progetto si propone di mantenere l’omogeneità e la congruenza che contraddistingue la cortina vincolata, sia su via Manfredonia che su via Lodovico il Moro, con la realizzazione di facciate piatte ed omogenee, realizzate in intonaco e rivestimento a mattoni a vista, con zoccolatura a finitura bugnata tipica delle architetture milanesi a cortina; su queste facciate si è deciso di inserire grandi finestre di tipo industriale a intervalli regolari, per meglio integrare l’edificio al contesto in cui è inserito.
Il complesso si articola principalmente sui due lati affacciati su strada, caratterizzati da quattro piani fuori terra, mentre in posizione arretrata rispetto alla cortina vincolata si sviluppa un ulteriore parte di edificio, con layout a torre, che si innalza di due piani rispetto al resto dell’edificio, con un linguaggio architettonico in elegante contrasto con il resto dell’edificio.
Per l’intero complesso si prevedono gli ingressi principali, pedonale e carraio, su via Manfredonia con ingresso pedonale dotato di portineria dedicata in prossimità dell’angolo con via Lodovico Il Moro; i box e le cantine sono posizionate al piano interrato. Il piano terra è caratterizzato dai percorsi di accesso ai vani scala, separati con semplici vetrate dal cortile interno, in modo da avere una maggiore permeabilità visiva dall’esterno verso l’interno.

 

Ronchetto_Naviglio_manfredonia_2 Ronchetto_Naviglio_manfredonia_3 Ronchetto_Naviglio_manfredonia_4 Ronchetto_Naviglio_manfredonia_5 Ronchetto_Naviglio_manfredonia_6 Ronchetto_Naviglio_manfredonia_7




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


12 thoughts on “Milano | Ronchetto sul Naviglio – Nuovo complesso residenziale sul Naviglio

  1. Anonimo

    Fa sorridere parlare di “permeabilità visiva” e poi prevedere un cancello carraio completamente chiuso e blindato che neanche a Fort Knox…

    Comunque al di la delle frasi e stilemi da gettare in pasto a Soprintendenza e Commissioni varie 🙂 , mi sembra un buon progetto che si inserisce bene nel contesto. Peccato solo che (temo) appena finito verrà ricoperto di tag e scritte assortite.

    1. Basta nazionalismi!

      Ah si la Soprintendenza dè riomma (una capitale che fa solo danni), e le commissioni comunali imbucate da gente pagata da varie lobby, soprattutto estere, per bloccare i progetti edilizi in Italia perchè è chiaro che oggi il mercato immobiliare è un mercato internazionale ed è chiaro che dall’estero molti hanno interesse a bloccare i progetti in Italia per direzionare le compravendite immobiliari nei loro paesi e nelle loro città principali Parigi, Londra, Madrid e Berlino, nelle GRANDI CAPITALI EUROPEE di GRANDI NAZIONI EUROPEE e GRANDI NAZIONALISMI EUROPEI…

    1. gep

      ..e te pareva!! Fosse mai che un progetto riesca a convincerti (a parte quelli disegnati dalle archistar sopra i 10k al metro) 😉

      1. lorenzo lamas

        Gep,

        ti giuro, non è pregiudizio.

        Mi sembra che il carattere industriale – che qui ci sta eccome – non è sviluppato come a me sarebbe piaciuto (vedi maggiore parte mattonata e grandi finestre, che non penso abbiano una grande incidenza nei costi).

        Tra l’altro, lo Studio in questione si occupa anche del Chiostro di Via Vico, che sembra ben fatto (e non solo per una questione “economica”).

      2. Anonimo

        Ho l’impressione che non sarà un progetto particolarmente economico (è praticamente sopra il capolinea M4 e S9 e già mi vedo i depliant in cui magnificano i rendering del Parco Lineare di San Cristoforo e la fitta rete di piste ciclabili che portano dappertutto)

      3. Basta sudditanza psicologica ai nazionalismi

        L’avessero fatto a Parigi, Londra, Madrid e Berlino (le GRANDI CAPITALI EUROPEE di GRANDI NAZIONI EUROPEE e GRANDI NAZIONALISMI EUROPEI) mostrerebbe molto più rispetto per un bel progetto come questo… Chiamasi “Sudditanza psicologica verso le GRANDI NAZIONI”, dove c’è forza e potenza il troll diventa più rispettoso e non trolleggia come fa invece in assenza di nazionalismo ..

  2. Cico

    Il cancello converrebbe farlo a sbarre piuttosto che a “muro” se si vuole evitare che diventi l’ennesima tavolozza per bimbiminkia annoiati.

  3. CM

    interessante, ma avrei invertito gli stili delle due facciate: sembra molto più caratterizzata quella sulla (poco visibile) via manfredonia….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.