"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Zona Scala – Casa degli Omenoni, uno dei più bei palazzi di Milano

Il bel portoncino contornato dai telamoni giganti

Il bel portoncino contornato dai telamoni giganti

Purtroppo defilato dalla vista dei passanti, semi nascosto dai palazzi di via Case Rotte, a due passi da Piazza Meda e Piazza della Scala esiste uno dei palazzi o meglio, esiste una delle facciate più belle di Milano, quella del palazzo degli Omenoni. Diciamo facciata perché l’interno del palazzo è stato sconvolto nel corso dei secoli così tante volte da non avere più nulla del palazzo originale.

La casa è composta da due ordini e da un attico, di epoca posteriore, ed è scandita verticalmente in sette scomparti. Al piano nobile, scandito da colonne incassate, fa contrasto il piano terra per il risalto delle otto grandi cariatidi, i popolari Omenoni, scolpite da Antonio Abondio. Sotto il cornicione, con chiara allusione al proprietario (Leone Leoni), si trova un altorilievo raffigurante la calunnia sbranata da leoni.

Il palazzo era stato progettato e costruito, a metà del XVI sec., dall’artista Leone Leoni come sua abitazione, nelle forme del tardo ‘500 manierista, e adoperato come galleria delle sue collezioni d’arte: dipinti di vari artisti del tempo, da Tiziano a Correggio, sculture, trattati, ecc. La facciata era caratterizzata per l’appunto dagli 8 telamoni commissionati all’Abondio, popolarmente detti Omenoni.
Dal Leoni era passato, attraverso vari passaggi ai Besana, i quali all’inizio dell’Ottocento lo incorporavano in un più vasto edificio dell’arch. Piuri, che fronteggia la Piazza Belgioioso. Sempre nel XIX sec. subì altri rimaneggiamenti nel cortile e negli ambienti interni.
Ai primi del Novecento rischiò anche di essere demolito, finchè palazzo Besana nel 1932 diviene sede della Federazione Fascista.
Nel 1929, divenuto sede del “Nuovo Circolo” o Clubino, fu ristrutturato radicalmente dal Portaluppi: elimina la scala originaria, chiude il porticato sul cortile con vetrate, nel cortile stesso idea una piscina e progetta un giardino. La facciata, soltanto, è quasi intatta, nonostante l’aggiunta incongrua del piano attico, e dei balconi in ferro battuto.

Leone Leoni nato a Maneggio tra il 1509 e il 1510, si trasferì a Roma giovanissimo, dove frequentò persino la Corte Vaticana. A Roma divenne zecchiere pontificio, ma si fece una reputazione alquanto turbolenta. Venne imprigionato e rischiò persino l’amputazione della mano destra. Così era giunto a Milano nel 1542, dopo un soggiorno genovese durato un paio d’anni: nel 1540, infatti, lo scultore aveva dovuto lasciare Roma, dove risiedeva da tempo, per aver ferito in una rissa Pellegrino da Leuti, gioielliere e tesoriere papale. A Genova gli aveva offerto rifugio Andrea Doria, e infine, nel 1542, il marchese del Vasto, allora governatore di Milano, gli aveva procurato l’incarico di scultore dei coni nella Cesarea Zecca.
Nei primi anni fu in città solo per brevi periodi, per via degli impegni con la corte di Carlo V: da subito, tuttavia, cominciò a cercare di ottenere un’abitazione adatta alle sue esigenze. Nel 1546, finalmente, ebbe in dono dall’imperatore una casa posta nella parrocchia di S. Martino in Nosigia, confiscata a un certo Giovanni Antonio da Prato (Conti, 1995); il passaggio di proprietà non era però ancora avvenuto nel 1549, nonostante le continue sollecitazioni di Leone, che ne aveva assoluto bisogno anche per installare la fonderia necessaria “per fare l’opere per Sua Maestà” (Conti, 1995). Ne entrò in possesso, probabilmente, solo tra il 1550 e il 1551.
Nasce così la residenza milanese di Leone Leoni, ammirata da Vasari durante il suo soggiorno in città del 1566.

Al piano nobile erano i tre ambienti contigui destinati all’esposizione delle opere: un’anticamera, un camerino e il grande studio ottagono. Qui, in particolare, nello studio, erano conservate le cose più preziose: un’Andromeda, un Marte e Venere di Tiziano, un San Giorgio di Parmigianino, il libro di disegni di Leonardo forse da identificare con il Codice Atlantico e i calchi in gesso dall’antico, ora in parte alla Biblioteca Ambrosiana; i due dipinti di Michelangelo, il ‘quadrone di Giganti’ e la Venere, si trovavano invece nel camerino. Probabilmente la dispersione della collezione iniziò assai presto, nonostante le disposizioni testamentarie di Leone, che muore nel 1590.

Il bellissimo palazzo è stato da poco restaurato.
(fonti Lombardia beni culturali)
Casa degli Omenoni Lattuada Serviliano 1738 Casa degli Omenoni Marcantonio Dal Re 1730 circa
Casa degli Omenoni 1
2014-06-21_Omenoni_1 2014-06-21_Omenoni_2
i giganteschi telamoni

 

Casa degli Omenoni Particolare 1 Casa degli Omenoni Particolare 3 Casa degli Omenoni Particolare 4

 

Il fregio col satiro divorato dai leoni

Casa degli Omenoni Particolare 2

 

Il Cortile interno in una foto d'epoca

Il Cortile interno in una foto d’epoca

 

Di seguito alcune immagini di Via Case Rotte e Via degli Omenoni, durante le demolizioni del 1925-1929 degli edifici preesistenti.

 

Via Case Rotte e via degli Omenoni, edifici preesistenti, durante le demolizioni 1925-1929 1 Via Case Rotte e via degli Omenoni, edifici preesistenti, durante le demolizioni 1925-1929 2 Via Case Rotte e via degli Omenoni, edifici preesistenti, durante le demolizioni 1925-1929 3 Via Case Rotte e via degli Omenoni, edifici preesistenti, durante le demolizioni 1925-1929


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.