"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Castello – Cadorna, ci voleva tanto?

Sono state cancellate le scritte, tra cui scritte offensive nei confronti delle Forze dell’Ordine, comparse negli ultime tempi sui muri della Stazione Cadorna. Le operazioni sono state effettuate dall’impresa che si è aggiudicata l’appalto per la pulizia degli edifici.

“Più’ volte siamo intervenuti per cancellare queste scritte offensive. È intollerabile che in una piazza storica della città, frequentata da migliaia di persone ogni giorno, ci siano scritte contro chi lavora per tutelare la legge. Questo intervento è anche un segnale dell’Amministrazione comunale per chi continua a realizzare tag e lanciare minacce sui muri della città”, ha detto l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza.

Le scritte presenti sui muri nei pressi dagli esercizi commerciali situati sulla piazza, sono state cancellate con l’uso di solventi.

 

2015 03 10 Piazza Cadorna degrado 2 2015 03 10 Piazza Cadorna degrado 5 2015-04-13 Cadorna Degrado 1 2015-04-13 Cadorna Degrado 2 2015-12-Cadorna_Scritte_1 2015-12-Cadorna_Scritte_2 2015-12-Cadorna_Scritte_3 2015-12-Cadorna_Scritte_5 2015-12-Cadorna_Scritte_6 2015-12-Cadorna_Scritte_7 2015-12-Cadorna_Scritte_8 2015-12-Cadorna_Scritte_9




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Zona Castello – Cadorna, ci voleva tanto?

  1. -Ale-

    Bene! Purtruppo qualche scarabocchio tornerà, ma se si pulisce con prontezza, i risultati si vedranno!

    Detto questo, ritengo che qui piccoli esercizi commerciali in piazza Cadorna fanno pena. Mi chedo sempre perchè furono creati!

  2. Lorenzo

    Non è vera l’affermazione <>Le scritte erano presenti da anni e nessuno (se non dei volontari cittadini ultimamente e parzialmente)se ne è mai occupato.L’edificio si è riempito di scritte all’inverosimile negli anni proprio perchè nessuno ha mai cancellato.E’ vergognoso affermare che si è intervenuti più volte.
    Vi domandate “Ci voleva tanto”?.
    Ci sono volute le vicine elezioni ,ecco cosa.

  3. Yuri

    Intervenuti più volte? Ma quando mai? In cinque anni non è stato fatto nessun intervento in tal senso, e non solo a Cadorna. Via Torino, Pisani e ovunque resistono queste scritte da mesi, anni, e la Rozza non fa niente di niente. Dopo cinque anni direi un bel risultato far pulire finalmente Cadorna.

    1. papoff

      comunque il decoro è onere dei proprietari, non del comune.
      se nessuno pulisce i primi responsabili sono in proprietari.
      in alcuni casi è il comune, ma nella maggioranza sono privati.
      nel mio condominio per esempio non riesco a far ridipingere la facciata bassa (primi 3 metri) da diversi anni perché in assemblea quasi nessuno vuole spendere due soldi..

  4. Nicola

    Commovente. Peccato che la pulizia sia arrivata a Expo concluso. Migliaia di turisti stranieri sono arrivati da Malpensa in Cadorna, nel degrado, e sono ripartiti, sempre nel degrado.
    Le città si conquistano quote di mercato se c’è offerta culturale, se si mangia bene, se i mezzi funzionano, ma anche soprattutto se la città è pulita e decorosa. La sensazione di trascuratezza e insicurezza che genera una via graffitata è altissima.

  5. Francesco De Collibus

    L’inizio di corso di Porta Vigentina, venendo da Porta Romana, è un vero porcile, e nessuno lo pulisce da anni.

  6. Anonimo

    Imbarazzanti gli esercizi commerciali davanti alla stazione, il suk accolto in un disegno architettonico. Non penso di esagerare dicendo che piazza più indegna a Milano non esista, in un contesto ottocentesco quello sfregio, per di più degradato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.