"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Vigentino – Il rinnovo in Ripamonti

Grazie al reportage eseguito da Vinceitaly, possiamo farci un idea di tutti i micro cambiamenti che stanno avvenendo al Vigentino e lungo la via Ripamonti. Zona che si è sviluppata molto tardi e perciò ora è ancora un mix di aree industriali, abbandonate, qualche orto e molte aree abbandonate.

Vigentino era in origine uno di quei paesini che circondavano il territorio di comunale di Milano. In prevalenza abitato da contadini nel censimento del 1861 il paese contava 797 residenti. Fu però nel 1923 che il Comune di Vigentino venne quindi aggregato insieme ad altre dieci località alla città di Milano, diventando una delle periferie della grande città.

Il reportage si divide in due parti, la prima mostra alcune novità in fase di realizzazione nell’area, soprattutto tra la via Ripamonti e Via Virgilio Ferrari, mentre la seconda parte si concentra sul degrado dei palazzi di via Amidani.

Come ci riferisce Vincenzo, qui non troveremo architetture mirabolanti o progetti di archistar, ma tanti esempi di quella edilizia “media” che caratterizza l’Italia e il periodo storico del momento.

 

Vigentino_Aerea_1

Vigentino_Aerea_3 Vigentino_Aerea_2

In via Verro una piacevole sorpresa: abbiamo seguito dall’inizio, senza troppo entusiasmo, questo cantiere della stecca con il tetto “a botte”. Invece il risultato finale non è male, grazie alla qualità e gradevolezza dei materiali e delle finiture.
Nonostante si lavori ancora (si stanno realizzando i marciapiedi e l’area antistante all’ingresso) diversi appartamenti sono già occupati. Peccato sia stato demolito completamente il vecchio cascinale in rovina che fino a pochi anni fa persisteva ancora.

2015_via Verro_8 2015_via Verro_7 2015_via Verro_6 2015_via Verro_5 2015_via Verro_4 2015_via Verro_3 2015_via Verro_2 2015_via Verro_1

 

In via Noto una situazione sicuramente figlia della crisi degli ultimi tempi: il cantiere di un edificio per uffici è rimasto praticamente fermo a come l’avevamo lasciato l’anno scorso. Eppure il piano terra e l’interrato sembrano essere occupati da un’attività commerciale in piena attività. praticamente un’azienda sotto un rudere incompleto.

2015_via Noto_0 2015_via Noto_4 2015_via Noto_3 2015_via Noto_2 2015_via Noto_1

 

In fondo a via Noto, dove l’anno scorso c’era un cantiere con un po’ di terra rimossa, ora sorge questo giardino sicuramente realizzato grazie agli oneri di urbanizzazione di qualche nuovo complesso nelle vicinanze.

2015_via Noto_6 2015_via Noto_5

 

Via Erice – Le terrazze di Ripamonti sono state completate ormai anni fa, eppure molti appartamenti rimangono invenduti, specialmente nella palazzina più lontana dalla strada. Mi sono dato una spiegazione: inizialmente questo edificio era poco appetibile perché troppo isolato, successivamente perchè i nuovi vicini risultavano essere molto più attraenti (mi riferisco ai giardini Verro).

2015_Via Erice_4 2015_Via Erice_3 2015_Via Erice_2 2015_Via Erice_1

 

Via Zanetto Bugatto – Come dicevo i Giardini Verro mi sembrano di ben altro livello per materiali utilizzati, rifiniture e servizi accessori, eppure anche qui ho notato un particolare curioso. Infatti mentre i primi piani, tradizionalmente più economici e con tagli più piccoli, sono tutti occupati, rimangono appartamenti liberi negli ultimi piani e negli attici: così diverse palazzine sono abitate a metà.

2015_Via Zanetto Bugatto_7 2015_Via Zanetto Bugatto_6 2015_Via Zanetto Bugatto_5 2015_Via Zanetto Bugatto_4 2015_Via Zanetto Bugatto_3 2015_Via Zanetto Bugatto_2 2015_Via Zanetto Bugatto_1

 

Poco distante, in via Monti Sabini è in fase di completamento un altro complesso, di certo non entusiasmante. Trovo particolarmente brutta la corte interna senza balconi su alcuni prospetti, meglio il prospetto principale. Sul retro si lavora a una vasta area: sembra prevista una strada e ancora del verde pubblico.

2015_via Monti Sabini_9 2015_via Monti Sabini_8 2015_via Monti Sabini_7 2015_via Monti Sabini_6 2015_via Monti Sabini_5 2015_via Monti Sabini_4 2015_via Monti Sabini_3 2015_via Monti Sabini_2 2015_via Monti Sabini_1 2015_via Monti Sabini_10

Il palazzo accanto, completato l’anno scorso, si caratterizza per le forme meno comuni, vagamente postmodern.

2015_via Monti Sabini_11 2015_via Monti Sabini_12 2015_via Monti Sabini_13

 

Veniamo a un’altra sorpresa: in via Muzio Attendolo Detto Sforza, guardate cosa è venuto su in appena un anno. Sono stati velocissimi!
Praticamente mancano solo le griglie metalliche lungo tutti i prospetti e l’esterno di questo edificio sarà completo. Il livello mi smebra più alto della media in zona (spero di non sbagliarmi). Inoltre questa strada, al confine con il “quartiere fantasma” di Ligresti, merita una presenza così riqualificante. Uno sguardo anche al retro che si affaccia su via Gastone Da Foix

2015_via Muzio Attendolo Detto Sforza_8 2015_via Muzio Attendolo Detto Sforza_7 2015_via Muzio Attendolo Detto Sforza_6 2015_via Muzio Attendolo Detto Sforza_5 2015_via Muzio Attendolo Detto Sforza_4 2015_via Muzio Attendolo Detto Sforza_3 2015_via Muzio Attendolo Detto Sforza_2 2015_via Muzio Attendolo Detto Sforza_1

 

In via Ampola hanno ormai ultimato anche la Corte degli artisti, curioso progetto di riqualificazione di vecchie officine, con la realizzazione anche di villini e di edifici residenziali, il tutto in uno stile vagamente anni ’80 (inserti hi-tech, colori acidi, gli immancabili mattoncini). Ogni volta muoio dalla voglia di entrare a curiosare all’interno (dove si trovano i vecchi locali riconvertiti), ma devo limitarmi a fotografare quello che si vede dalla strada.

2015_via Ampola_5 2015_via Ampola_4 2015_via Ampola_3 2015_via Ampola_2 2015_via Ampola_1 2015_ Via Ampola_2 2015_ Via Ampola_1




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


7 thoughts on “Zona Vigentino – Il rinnovo in Ripamonti

  1. antonio

    Bel servizio. Spero solo che gli urbanisti abbiano una piano di sviluppo generale dell’area. Ad esempio come si può notare dalle foto complessive della zona c’è una strada interrotta in pochi punti che se completata potrebbe diventare una via di collegamento tra i nuovi insediamenti. Faccio notare che nel quartiere passa la storica roggia Vettabbia.. un canale che andrebbe valorizzato e che ora passa tra le fabbriche intubato.

  2. Alessandro

    Che la vetabbia potrebbe essere valorizzata siamo d’accordo, però non è intubata…da via Bazzi in poi scorre a cielo aperto….in ampi tratti lasciata incolta, protetta da reti e cancellate e 0 valorizzata (passa dietro la chiesa dell’assunta, quindi passa sotto la strada e si immette nel parco sud). Però è più spostata verso Est. .
    Vicino ai complessi del servizio in via ferrari scorre il Ticinello che è il canale scolmatore della Darsena, lui sì intubato fino a via ferrari/incrocio Antonini all’altezza dell’ATA HOTEL dove esce allo scoperto…e più o meno all’altezza di Via verro, vira verso ovest e si immette in quell’area dove sta nascendo il Parco del Ticinello. Speriamo che con i lavori finanziati da Cariplo le sponde del canale vengano rese fruibili e valorizzate. E’ un bel canale anche lui se ben tenuto. La portata è assimilabile alla Vetabbia.

  3. antonio

    Giusta Correzione di Alessandro. Infatti volevo parlare del Ticinello. Che da da Via Antonini, da dove sbuca a cielo aperto, è soffocato da cancellate, orti abusivi, cortili abusivi e fabbriche cresciute intorno alle sue sponde.
    Qualcosa finalmente sta cambiando.. infatti come dice Alessandro con i fondi Cariplo nel parco del Ticinello è arrivata una ruspa e ha portato via rifiuti e qualche cancellata abusiva.. spero vadano avanti.
    Chiedo ad Alessandro che mi sembra informato. la Vettabia passa a Chiaravalle. Sai he fine fa?

  4. Alessandro

    Ciao Antonio, dopo chiaravalle ha un percorso non lunghissimo e sfocia nel Lambro a Melegnano dopo aver attraversato i campi a san donato milanese. A sua volta le sue acque confluite nel Lambro si dirigono verso il PO un centinaio di km più a Sud.
    Per vedere la Vetabbia riqualificata in zona ripamonti-vigentino mi sa aspetteremo decenni…l’intera area manca secondo me di una programmazione unitaria, con micro interventi anche interessanti, ma non coordinati col contesto. Se siamo fortunati verrà invece riaperto il tratto più a monte della Vetabbia, quello in via Castelbarco di lato all’ex centrale del latte La Bocconi ha inserito la riapertura di questo tratto nel progetto del nuovo Campus e sta svolgendo le indagini per capire la fattibilità (legata ai sottoservizi o a eventuali extracosti). Speriamo…e speriamo che il Comune li supporti…nel caso i lavori nell’area dovrebbero partire a breve.

  5. antonio

    Grazie Alessandro. Mi hai dato due belle notizie. La prima è che la Vetabbia anche se degradata continua a scorrere nel suo corso storico.. e speriamo che sia appunto riqualificata e liberata, come il Ticinello. . La seconda è che c’è un progetto per la sua riapertura almeno nel tratto di Via Castelbarco. Mi sembra ottima cosa. Speriamo si faccia a breve. Io sarei per scoperchiare … dove è possibile.. i tanti canali che passano sotto la città.. Grazie e Auguri.
    Antonio

  6. Alessandro

    E mica solo tu sei per scoperchiare :D! Speriamo nei prossimi candidati sindaci …io aspetto bene di sentire chi promette scoperchiamenti per fargli avere il mio voto :). Urbanfile su questo può avere un ruolo 🙂 Auguri anche a te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.