"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Porta Vittoria – Riutilizzate le panchine della Germania

Si è svolto oggi, giovedì 7 gennaio in via Morosini (all’altezza del civico 4), l’evento di consegna delle nuove panchine che, dal padiglione Expo della Germania, trovano un nuovo uso presso il Giardino delle Culture, nelle vicinanze di corso XXII Marzo. Insieme all’assessore ai Lavori Pubblici Carmela Rozza e a Giuseppe Sala, Commissario di Expo 2015, erano presenti i rappresentanti delle diverse aziende che hanno reso possibile l’operazione: l’azienda Nussli Srl (Dietmar Kautschitz, Managing Director per progetti EXPO Milano 2015), la ditta Corno Arredamenti Snc, la società Monaci Srl (presente Roberto Gambarelli), il gruppo Cogeser (rappresentato dall’Amministratore unico Giuseppe Chiarandà). Dopo il padiglione della CocaCola riutilizzato per un campo di basket al parco di Via Rimini a Moncucco/Barona.

Giardino delle Culture_Morosini

2016_01_panchine_padiglione_Expo_Germania_1 2016_01_panchine_padiglione_Expo_Germania_2 2016_01_panchine_padiglione_Expo_Germania_3 2016_01_panchine_padiglione_Expo_Germania_4 2016_01_panchine_padiglione_Expo_Germania_5 2016_01_panchine_padiglione_Expo_Germania_6 2016_01_panchine_padiglione_Expo_Germania_7

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


3 thoughts on “Zona Porta Vittoria – Riutilizzate le panchine della Germania

  1. Sandro

    Ottime!!Le provai in Expo!! Visto che Milano è città senza manutenzione controllate per quanti mesi o anni resteranno imbrattate quando i vandalismi succederanno.

      1. Claudio K.

        purtroppo e’ la realtà’.

        Ti sto scrivendo da Boston e ti assicuro che qui non trovi UNA tag a pagarla.

        Nel weekend ero a New York, e perfino li’ ce n’e’ giusto qualcuna sulle cassette delle lettere e su qualche palo ma sui muri ZERO.

        Sara’ forse perche’ qui per molto meno ti fai la classica notte in cella, mentre in Italia ti danno una pacca sulla spalla e ti dicono “brutto cattivo non farlo più'”????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.