"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Porta Genova – Ci fosse un servizio di pulizia

A Milano cartelli, segnali, lampioni, pali, pensiline e altro una volta istallati raramente vengono mantenuti puliti. Manca proprio un servizio di pulitura e mantenimento degli “oggetti” utili alla società. Così ci ritroviamo spesso cartelli stradali o, come in questo caso, totem informativi sempre più imbrattati dai soliti incivili. Questo è il totem informativo per il quartiere dei Navigli posto in piazzale Porta Genova ed è già uno schifo, scritte, scarabocchi, adesivi e foglietti stanno ricoprendo il tutto, figuriamoci tra qualche mese.

 

Ringraziamo Matteo Baruffaldi per la foto

2016_01-13_Totem_Imbrattato

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


3 thoughts on “Zona Porta Genova – Ci fosse un servizio di pulizia

  1. Yuri

    Ma il Comune non si vergogna neanche un po’? La Rozza è l’assessore più imbarazzante mai visto. Fa cose che riguardano gli altri assessorati ma nel suo (contrasto graffitismo e arredo urbano) ha la competenza di un girino.

  2. Nicola

    Nel caso della Rozza viene da dire nomen omen..
    Quello che odio è la tendenza al rattoppo, al volare basso, all’accontentarsi di risistemare quel minimo sindacale invece che ripensare totalmente vie e piazze restituendo ai cittadini qualcosa di bello. Vedasi piazza Oberdan, carina si, ma perché non ripensare anche la zona delle due porte che è un orrendo parcheggio o wc per clochard? È il bello che manca, non solo il pulito e il decoroso.

  3. Renato S.

    Senza voler giustificare le tante carenze del Comune: quello al centro della foto è un totem di orientamento pedonale – progetto nato per Expo – che ha un preciso contratto di manutenzione con una società ad hoc. Esattamente come accade per le pensiline Atm.

    Ma evidentemente chi dovrebbe gestire la manutenzione non lo fa o lo fa male. In ogni caso andrebbe contestato a costoro, non la Comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.