"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Locate di Triulzi – Cantiere ScaloMilano

Giusto un altro centro commerciale ci mancava… Comunque questo shopping center, che sta sorgendo nel comune di Locate di Triulzi, a due passi da Opera e dalla ferrovia del passante (più precisamente con la linea S13) sarà votato alla qualità e all’eccellenza. Anche dal punto di vista architettonico, Scalo Milano, avrà degli “edifici” che pare siano ben curati e ricercati. Infatti l’immagine a cui si sono ispirati gli architetti dello studio d’architettura e urbanistica Metrogramma Milano, è quella di un complesso industriale, di una fabbrica, come icona dello spirito produttivo milanese. Sono previsti 300 negozi che accoglieranno brand scontati delle più grandi griffe, ma non solo, anche del design e persino il cibo, dove troverà spazio nel Food Village.

1_Scalo Milano City Style_1 1_Scalo Milano City Style_2 1_Scalo Milano City Style_4 1_Scalo Milano City Style_3 1_Scalo Milano City Style_5 Scalo Milano City Style-modello in scala

Inaugurazione pare sia prevista durante la primavera di quest’anno ( 2016). Scalo Milano sorge nel comune di Locate di Triulzi, a sud di Milano, una location privilegiata a valenza sovraregionale.

 

Foto dal cantiere

Scalo Milano City Style_Locate_Triulzi  2016-01-10_Scalo Milano City Style_5 2016-01-10_Scalo Milano City Style_4 2016-01-10_Scalo Milano City Style_3 2016-01-10_Scalo Milano City Style_2 2016-01-10_Scalo Milano City Style_1 2016-01-10_Scalo Milano City Style_0 2016-02-20_Scalo Milano City Style_10 2016-02-20_Scalo Milano City Style_9 2016-02-20_Scalo Milano City Style_8 2016-02-20_Scalo Milano City Style_7 2016-02-20_Scalo Milano City Style_6 2016-02-20_Scalo Milano City Style_5 2016-02-20_Scalo Milano City Style_4 2016-02-20_Scalo Milano City Style_3 2016-02-20_Scalo Milano City Style_2 2016-02-20_Scalo Milano City Style_1




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


8 thoughts on “Milano | Locate di Triulzi – Cantiere ScaloMilano

  1. Jules

    Quest’inesattezza da voi non me l’aspettavo proprio: “la ferrovia del passante”!?! O_o’
    Suggerisco: “la stazione ferroviaria di Locate Triulzi servita dalla linea suburbana S13”.

    Scusate la pedanteria, ma i vostri articoli ci hanno abituato alla precisione e ad una scrupolosa scelta dei termini da usare, sicché ora ho delle aspettative che non potete deludere. 😉

  2. wf

    Gent.mi “Urbani urbanisti” di Urbanfile (scusate il calembeur),
    avete notato che sono stati posti dei ponteggi sulle faccaite delle Poste di Piazza Cairoli ?!?

    Non sarà mica che stanno preparando i lavori per lo sbarco in Italia del “Cortes Ingles” (con annesso Starbucks)?

    AVete novità o info su tali lavori?

    Grazie e ottimo lavoro sempre!

  3. wf

    @Jules
    La S13 fa tutte le stazioni del Passante…

    STAZIONI S13

    – Milano Bovisa
    – Milano Lancetti
    – Milano Porta Garibaldi
    – Milano Repubblica
    – Milano Porta Venezia
    – Milano Dateo
    – Milano Porta Vittoria
    – Milano Rogoredo
    – Locate Triulzi
    – Pieve Emanuele
    – Villamaggiore
    – Certosa di Pavia
    – Pavia

    Quindi non è scorretto chaimarla passante.
    Mi stava venendo il dubbio che fosse una linea tipo Como – Cadorna..

    1. Jules

      @wf: hai ragione nell’affermare che la linea S13 si instrada nel Passante ferroviario di Milano da Bovisa a Porta Vittoria. Da lì fino a Pieve Emanuele usa altre infrastrutture ferroviarie collegate al Passante, ma non identificabili con questo nome. Da qui, la mia osservazione.

      Concordo, però, che nel linguaggio comune si sentano spesso frasi tipo: “ho preso il passante da Lodi a Saronno”. L’inesattezza è, a mio avviso, soprattutto colpa di un’inadeguata presentazione e promozione del servizio da parte di Trenord e degli enti locali coinvolti.
      Diciamo che dal cosiddetto “l’uomo della strada” me lo aspetto di più che da un blog specializzato ed attento come Urbanfile. 🙂

      1. wf

        Esatto Jules.
        Perfettamente d’accordo con l inaccettabile confusione cromatica e comunicativa delle linee s passanti, le linee s non passanti e le linee metro.
        Non c’è lo possiamo più permettere se persone informatissime come voi di Urban file vi confondete, figuriamoci un turista appena sbarcato a Milano.

        Però anche non d accordo poiché passante è un gerundio, il che significa che le Linee s, solo alcune di esse diventano appunto passanti sottoterra a Milano per uscire ridiventando linee regionali s.

        Quindi le linee s possono o non possono essere “passanti” .
        La s1 non lo è.
        La s13 si.

        Ma il disastro vero è che queste cose devono essere decise e confermate da una comunicazione chiara e soprattutto univoca.

        Ci azzuffiamo noi, figurati gli utenti occasionali.
        O peggio i turisti.
        Inaccettabile per Milano nel 2016.
        Soprattutto dopo l’Expo.
        Quando Milano torneranno tanti turisti a esplorare la città.

  4. Claudiogi

    Un altro centro commerciale? Ancora consumo di territorio in zone già abbondantemente compromesse? L’aspetto architettonico potrà essere il più gradevole che si possa immaginare ma queste operazioni semplicemente non dovrebbero essere fatte.

    1. Francesco

      Il consumo di suolo su quell’area c’è stato una volta , quando c’erano al Saiwa e la Granarolo.Fortunatamente hanno riutilizzato un ‘area abbandonata. Poi sulla sostenibilità d un altro centro commerciale possiamo discutere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.