"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Area Expo – Ma il Padiglione Italia non lo finiscono?

Come ricorderete, il Padiglione Italia di Expo 2015 è arrivato al Primo Maggio 2015, giorno dell’apertura di Expo, non completato.

Molte cose erano state congelate per non arrivare ad inizio evento ancora con le gru e le impalcature sul palazzo più importante dell’intera manifestazione, l’edificio che rappresentava l’Italia e che sarebbe rimasto ai posteri come segno dell’evento espositivo.

Il “Palazzo Italia” si affaccia sulla Lake Arena, dove si trova anche l’Albero della Vita (che forse si è preso lo scettro come simbolo della manifestazione) e sul Cardo, il viale più corto dei due assi principali del sito. La struttura fu progettata da Nemesi&Partners ed occupa una superficie di circa 13.200 m su 6 livelli fuori terra.

L’esterno è caratterizzato da una fitta ragnatela bianca che evoca una trama di nido o rami di alberi. È stata realizzata con un cemento innovativo (cemento biodinamico brevettato da Italcementi) che elimina l’inquinamento sfruttando processi di ossidazione innescati dalla luce solare. Tre grandi varchi permettono l’accesso ad una corte interna coperta da una grande vetrata. All’interno di questa corte-piazza interna ci sono gli accessi ai quattro volumi principali del palazzo: la zona Espositiva, la zona Auditorium, la zona Uffici di Rappresentanza e la zona Sale Conferenze-Meeting. Al quarto piano del palazzo si trovava il ristorante italiano gestito da Peck. Anche all’interno vi è il rivestimento a trama intrecciata che però, al contrario della parte esterna, secondo molti (noi compresi), non è stata completata, come si vede bene in alcune foto dove si vedono i ganci o le strutture metalliche che altrimenti rimarrebbero nascoste dai “rami” bianchi.

2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_13 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_12 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_11

Questo è uno dei rendering che mostrano come in teoria la trama ad intrecci avrebbe dovuto rivestire l’intero edificio anche sotto la vetrata ed invece, come si nota nelle foto successive, questo non accade.

Padiglione_Italai_Rendering_1

2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_10 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_9 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_8 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_7

Soprattutto in questo punto si nota come i ganci e le putrelle rimangano esposti. Noi, in visita al sito per l’evento della Triennale, speravamo almeno di vedere completati questi pezzi nei 5 mesi che ci hanno separato dalla chiusura di Expo2015.

2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_6B 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_6 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_5 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_4 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_3 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_2 2016-06-12_Ex_Expo_Triennale_Italia_1




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.