"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | La Fontana – Un angolo interessante di architettura degli anni Venti

Ci troviamo tra i quartieri Farini, La Fontana e Maciachini: in questa zona di forte sviluppo urbanistico all’inizio del 1900 vennero realizzate delle palazzine interessanti. Anzitutto le graziose case del quartiere Crespi sulla via Giulio Bellinzago, nel 1929. Il quartiere fu costruito dall’Istituto case popolari negli anni 1927-28 su progetto dell’architetto C. Leonardi. Tre corpi di fabbrica separati da una via privata che funge da cortile e e giardino. I due blocchi che si affacciano sulla via e che fingono da ingresso per il complesso, presentano un grande arcone terrazzato.

Ricordiamo che la via Giulio Belinzaghi è dedicata al sindaco di Milano che ha governato la città dal 1868 al 1892 e che ha risolto le finanze del Comune dalla bancarotta a seguito della costruzione della Galleria Vittorio Emanuele II e di Piazza Duomo.

 

Farini Case Popolari del quartiere Crespi di via Bellinzago costruite nel 1929

Farini Case Popolari del quartiere Crespi di via Bellinzago costruite nel 1929

 

2016-07-09_Belinzaghi_Nava_1 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_2 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_2A

Noi abbiamo fatuo gioco fotomontando due grandi aiuole nel grande spiazzo catramoso davanti alle due palazzine, non sarebbe più bello?

2016-07-09_Belinzaghi_Nava_2B 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_3

 

 

Milano | La Fontana – Via Bassi: Case popolari d’autore

 

Poco lontano troviamo un altro capolavoro di architettura milanese, il gruppo di edifici per le Case Popolari costruite tra il 1927 e 1930 e che occupa un intero isolato, delimitato dalle vie Paolo Bassi, Francesco Nava e Fabrizio Mossotti. Progettato da Filippo Agostino Griffini e Giovanni Manfredi il Quartiere Alla Fontana, questo il nome del complesso, è molto suggestivo e particolare. L’edificio ha due ingressi, in via Paolo Bassi, 22 e in via Fabrizio Mossotti, 1 e un giardino interno.

 

2016-07-09_Belinzaghi_Nava_4

Basamento in pietra scura, pareti intonacate di chiaro, decori art déco. La cosa più evidente sono le bow-windows che movimentano la facciata caratterizzando l’aspetto dell’intero edificio, terminando con una punta che ricorda un cappello cardinalizio. Altri particolari interessanti sono gli spigoli alle finestre, i terrazzini aggettanti posti agli angoli e una esuberante decorazione d’angolo in pietra.

Purtroppo gli edifici sono un po’ decadenti e andrebbero restaurati.

2016-07-09_Belinzaghi_Nava_5 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_6 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_7 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_7B 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_8 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_9 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_10 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_11 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_12

Segnaliamo anche questo intervento abbastanza banalotto che però ha ricucito un pezzo di tessuto urbano rimasto irrisolto per lungo tempo, edificio residenziale all’angolo tra le vie Giulio Belinzaghi e Menabrea, Costruito al posto di un palazzo industriale dismesso e di un supermercato.

2016-07-09_Belinzaghi_Nava_13 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_14 2016-07-09_Belinzaghi_Nava_15

Il vecchio edificio

2016-07-09_Belinzaghi_Nava_16


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | La Fontana – Un angolo interessante di architettura degli anni Venti

  1. Luca

    Mi dispiace molto che il nostro progetto di Isola nel Verde in via Belinzaghi, sia stato definito “un po’ banalotto”.

    Capisco che la parte estetica sia soggettiva, ma vorrei spezzare una lancia in favore di questo intervento che ho seguito per la società Gruppocasa srl; E’ stato un intervento di ricucitura urbana, dove il lato tecnologico ha indirizzato tutto l’intervento. E’ stato uno dei primi interventi a Milano ad utilizzare sistemi di trigenerazione, geotermia e sistemi di recupero delle acque piovane;

    Ora soluzioni utilizzate da molti.

  2. Luca

    Capisco che il lato estetico è sempre molto soggettivo, ma mi dispiace che abbiate definito il nostro intervento “Isola nel Verde” in via Belinzaghi “banalotto”.
    Vorrei pero’ spezzare una lancia in favore di questo intervento, che ho seguito per la società Gruppocasa srl;
    Il lato tecnologico ha guidato tutto lo sviluppo del progetto.
    Isola nel Verde è un intervento dove sono state utilizzate soluzioni tecnologiche come geotermia, trigenerazione, domotica di terzo livello, recupero delle acque meteorologiche..

    Soluzioni che oggi sono di uso comune, ma eravamo tra i primi nel 2008, quando è stato ideato il progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.