"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Ortica – Il ponte sulla ferrovia, così lercio

2017-01-15_Ortica_Ponte_Pedonale_Corelli_1

Siamo all’Ortica, in fondo alla via che porta il nome dell’antico borgo, proprio nel punto dove svolta a sinistra passando attraverso un tunnel nella Via Camillo e Otto Cima. Qui sul finire degli anni Novanta venne allargata la sede ferroviaria e pertanto si dovette allungare il ponte pedonale che metteva in comunicazione la parte dell’Ortica “antica” con la parte di via Corelli, scavalcando le ferrovie. Il nuovo ponte è stato realizzato in tubolari metallici con pilastri in cemento armato. Come balaustre vennero scelte, al posto di una ringhiera, delle lastre in vetro.

Questo è il risultato di un ponte che avrà si e no vent’anni. A parte la scelta del colore rosa, ci siamo chiesti perché utilizzare delle lastre in vetro come balaustre? Superfici facilmente imbrattabili dalle firme realizzate dai soliti vandali. Spesso pare proprio che ingegneri, architetti e geometri vivano in altri pianeti e si ostinino ad utilizzare soluzioni che col tempo portano ad un facile degrado. Secondo noi se al posto dei vetri ci fossero state delle ringhiere, almeno l’aspetto del ponte non sarebbe stato così degradato e lercio.


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Ortica – Il ponte sulla ferrovia, così lercio

  1. Fabrizio

    Gae Aulenti mi scrisse una volta che Milano è città senza manutenzione(già da allora)..Il Comune fa delle opere,la gente dice Uh Che Bello! Che bravo il Comune.Poi… le opere che vadano alla malora! Sempre stato così.Trenta anni e più di vandalismi non hanno insegnato niente.Fanno strutture progettate come se i vandali non esistessero.A fatica solo i treni hanno avuto qualche miglioria con i vetri plasticati anti acido fluoridrico (ma solo all’interno e non per i graffi).I vetri di quel ponte dovrebbero essere ripuliti con un gel remover (non è difficile).Ma poi gli italiani pitechi esclamerebbero :Ma tanto reimbrattano.Ma intanto non tutto un ponte in una sera .Faranno qualche tag.Da ripulire subito,Controllo quindicinale.Poi il fenomeno si abbatte.Ma i pitechi italiani non ci credono ,Meglio farsi una pizza.

    1. Enchanted Avenger

      Incredibile, sei riuscito a scrivere 14 righe in italiano e perfino senza svarioni ortografico-grammaticali. Nettamente migliorato dall’ultima volta. Forza che se continui così dalla categoria dei pitechi forse ci esci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.