"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Tre Torri – Il cantiere a febbraio: 1 il parco

2017-02-18_Tre_Torri_CityLife_2

Ennesimo giro nel cantiere CityLife con un reportage fotografico abbastanza nutrito.

Per farvi comprendere i progressi lo abbiamo suddiviso in 4 parti.

Questa, la prima della serie è dedicata principalmente ai progressi della parte che diventerà parco, verso viale Eginardo e al confinante MiCo, il centro congressi di Milano.

I terreni sono stati bonificati e ora le cesate sono state spostate sino al confine con il centro congressi. Nel frattempo camion stanno portando nuova terra da distribuire nell’area. In questa parte dovrebbe sorgere, oltre alla torre (al posto del piccolo orto di CityLife) di Libeskind, quella residenziale però, anche una stazione di polizia lungo viale Eginardo e un asilo.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


4 thoughts on “Milano | Tre Torri – Il cantiere a febbraio: 1 il parco

  1. Marco

    Bellissimi come sempre i vostri servizi!
    Sapete che ne sará del buco scavato verso V.le Boezio, tra torre Allianz e L.go Domodossola? Altro “campo da golf”? 🙂
    saluti e continuate cosí

  2. Fabrizio

    Servizio ottimo come sempre.
    Ma stanno riciclando del vecchio arredo urbano? In una foto si vede, nell’area ancora transennata, un cestino già imbrattato ed arrugginito!

  3. wf

    Ma tra citylife e porta nuova quand’è che finiscono di costruire tutto questo ambaradan?

    Quand’è che potremo godere di queste nuove aree verde/nuovi parchi in città?

    Daje che in estate ci faccio picnic E leggere un libro nella new Milano…

    Poi passare a fare subito il nuovo central park scalo farini….
    Che aspettiamo?
    Milano non aspetta..
    ..
    E fatelo sto cacchio di museo internazionale di arte contemporanea che apre le menti sul presente, sul passato e sul futuro…
    Che Milano ne ha bisogno proprio ora…
    Che si rilancia verso il futuro…
    Ha bisogno di allargare sguardo e soprattutto orizzonte, internazionale…

    Apriamola anche la prima tratta del naviglio Martesana in via Melchiorre gioia, proprio sotto il palazzone inguardabile della teldcom, quello ristrutturato diventerà il nuovo ponte vecchio di Milano, con mercati e food court a due passi da parco e piazza gae aulenti, metà dei futuri turisti stranieri.

    E ci sarà l’acqua. E si potrà mangiare e leggere sull’acqua.
    Milano deve prendere la fisionomia che si merita..
    E che è sempre stata nel suo potenziale9,nella sua storia, nelle sue possibilità, troppo a lungo repressa e ingabbiata da smog e puzza di automobili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.