"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Vigentina – Un murale per Dario Fo e Franca Rame

Un bellissimo murale in onore di Dario Fo da 300 metri quadri è stato dipinto sul muro della Scuola civica Paolo Grassi a Milano in vOrticanoodles con l’aiuto dei ragazzi del progetto B-Live, affetti da patologie croniche, e alcuni volontari dell’alternanza scuola-lavoro. Un intervento che ha visto la collaborazione tra Comune, Fondazione Milano e Fondazione Arrigo e Pia Pini per festeggiare il compleanno di Dario Fo. Proprio il 24, giorno in cui avrebbe compiuto 91 anni, ci sarà l’inaugurazione con performance “giullaresche” tratte dalle opere del loro maestro ed eseguite dai ragazzi della scuola Paolo Grassi (foto dalla pagina Facebook Walls of Milano).




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Porta Vigentina – Un murale per Dario Fo e Franca Rame

  1. Anonimo

    A proposito, il murale di piazza Ferrari / via san Calimero è da considerarsi concluso?
    Nella via c’è ancora tanto muro libero.
    Là, il volto di Franca Rame è ritratto: come può mancare quello di Dario Fo?

    1. papoff

      che io sappia quel murales è concluso.
      è vero che non c’è dario fo (come non c’è molta altra gente) ma semplicemente perché all’epoca era vivo…

  2. Anonimo

    Certe volte i murales sono capolavori, ma in questo caso la faccia di Dario Fo non gli assomiglia per nulla ed ha la stessa espressività di un bovino da allevamento intensivo (non a caso sembra più Lele Mora che il Premio Nobel).

    Per non parlare del look da “copiamo l’Obama di Hope che piace sempre”… Insomma, non mi sembra questo gran capolavoro: Berlino è lontana anni luce (purtroppo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.