"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Cristoforo – Aggiornamento da Piazzale Negrelli: primi di giugno

Rieccoci a sbirciare il cantiere di piazzale Negrelli. I lavori proseguono e come si vede, la parte centrale praticamente è stata completata. Ora gli operai stanno sistemando i marciapiedi esterni e il parcheggio. Sono state istallate anche le barriere per evitare il parcheggio con mezzi grandi, camion e soprattutto camper e roulotte.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


2 thoughts on “Milano | San Cristoforo – Aggiornamento da Piazzale Negrelli: primi di giugno

  1. Claudio K.

    Vorrei far notare un dettaglio (un mio cavallo di battagla peraltro): notare come cambia TOTALMENTE la percezione di ordine e pulizia con un particolare semplice e relativamente poco costoso come mettere i blocchetti al posto del catrame sui marciapiedi.

    Se tutti i marciapiedi di Milano fossero così (beola nelle vie storiche, blocchetti nelle altre) la città diventerebbe immediatamente più luminosa e ordinata. I blocchetti non si deformano col caldo, non colano sui cordoli, non si affossano per i cavalletti degli scooter, e in caso di lavori si levano e si riposizionano come prima, senza lasciare gli orribili rammendi che vediamo ovunque in città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.