"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Rogoredo – Largo Redaelli

Nuova intitolazione nel Municipio 4. L’area pedonale prospiciente l’uscita M3 di Rogoredo è stata dedicata alla storica acciaieria milanese “Redaelli” che ha cessato le attività nel 1984.

L’acciaieria Redaelli in una foto aerea del 1921-22

 

Prima del 1895, anno di apertura della fabbrica (allora di Luigi Riva, poi passata ai fratelli Redaelli insieme a Giorgio Falck), Rogoredo era solo campagna o poco più. Dopo quella data, tutto si trasformò. Iniziò la grande avventura della “Ferriera di Rogoredo”, terminata, dopo lunghe e dolorose vicissitudini, il 6 aprile 1984, con la chiusura dello stabilimento.
Novant’anni di storia, due guerre, la Resistenza, la ricostruzione del Paese e le lotte sindacali in un quartiere cresciuto attorno alla fabbrica. A Rogoredo, la Ferriera dava lavoro quasi ad ogni famiglia del quartiere, e, come accadeva talvolta nel secolo scorso, l’azienda si occupava delle vite dei suoi dipendenti, “pensando alla loro salute e al tempo libero”. Nella fabbrica venne impiantato un poliambulatorio all’avanguardia e rivolto all’intero quartiere, realizzato un centro sportivo, costruite le case per i lavoratori della Redaelli, i figli dei lavoratori andavano in vacanza nelle colonie aziendali e il Cral Redaelli offriva svago e divertimento. Negli anni Venti, gli operai della Redaelli, diedero vita alla Cooperativa edificatrice ed alla Cooperativa di consumo. Rogoredo si è quindi sviluppato attorno allo stabilimento, che alla sua chiusura occupava ben oltre 600.000 mq di terreno, tra forni, laminatoi, trafilerie e le altre parti industriali.
Uno stretto e importante rapporto tra ferriera e quartiere, che non si può e non si vuole dimenticare. Oggi della Redaelli rimane solo la “palazzina ex chimici”, in uno stato di desolante abbandono. Il 2014, ha visto un susseguirsi di importanti appuntamenti culturali per il quartiere. In particolare tra settembre e ottobre, durante la settimana della Poesia, il Muro delle Parole del Lavoro ha dato l’accento ad un forte sentire che accomuna tutte le generazioni di rogoredesi. La memoria della Redaelli è indelebile e da più parti è stata sollevata l’esigenza di ritrovarne le tracce e segnalare le testimonianze della sua presenza. Il Cdz4, facendo proprie le numerose richieste dei cittadini, intende intestare lo spazio prospiciente la Stazione ferroviaria, alla confluenza tra via Rogoredo e via Orwell, con il nome di Largo Redaelli – Acciaierie (1895-1984). La nuova piazza è nei pressi dello storico ingresso dello stabilimento, dove, per tanti anni gli operai della Redaelli sono entrati timbrando il loro cartellino. In occasione dell’intitolazione si proporranno iniziative culturali, tese a ricostruire la testimonianza e la memoria della Ferriera.        (da viveremilano)




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.