"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bullona – Via Monviso B32

Il piccolo edificio in costruzione in via Monviso al civico 32 è a buon punto.

Ci troviamo proprio di fronte alla chiesa della Madonna di Lourdes. L’intervento non è ancora concluso, ma la facciata semplice è scandita da finestre e terrazzi a incasso. Il rivestimento in mattonelle di cotto lo rende interessante e lo ancora alla tradizione. Attendiamo di vedere il completamento dei lavori per vedere come apparirà nell’insieme.

Proprietà Paolo Casati e Figli Srl
Progettista Arch. Matteo Vischioni
Impresa Edile Costruzioni e Immobiliare Srl
Funzionario Knauf arch. Gianluca Rigamonti

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


3 thoughts on “Milano | Bullona – Via Monviso B32

  1. Loris

    visto così è da applausi.
    semplice e senza fronzoli, ma con qualche piacevole movimento in facciata, senza strafare.
    insomma, non occorre stupire a tutti i costi per fare qualcosa di dignitoso.
    così così la struttura in cima, pazienza.

  2. Ludo

    A me sembra squallidissimo. I mattoncini richiamerebbero sì la tradizione, ma se applicati su una struttura dalle forme anni Cinquanta cambia tutto. Le ringhiere di metallo, anche quelle sembrano riesumate dagli anni Cinquanta. Le finestrelle alte e strette, peggio che mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.