"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bicocca – Cantiere Parco della Torre: aggiornamento aprile 2018

Da dicembre sono in corso i lavori per completare il nuovo parco pubblico di Milano, si tratta del Parco della Torre (precedentemente conosciuto come parco delle Magnolie) al quartiere Bicocca, tra viale Sarca, via Ansaldo, via Chiese e via Von Hayek.

Oramai il giardino che si pone proprio come ingresso al Bicocca Village, è a buon punto. Noi abbiamo cercato di fare un giro attorno al perimetro per mostrarvi i progressi sino ad oggi.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


4 thoughts on “Milano | Bicocca – Cantiere Parco della Torre: aggiornamento aprile 2018

  1. Anonimo

    È possibile chiedere, se qualche assessore ci legge, un attraversamento pedonale sicuro che porti al bicocca village? Le auto su via Chiese raggiungono velocità prossime a quelle del muro del suono, con rischi quotidiani per i poveracci che devono attraversare a piedi. Ci starebbe bene anche un autovelox, così si finanzia qualche opera utile, o la manutenzione del verde.

    1. Anonimo

      Basterebbe un attraversamento pedonale rialzato come c’è in tutti i paesi civili, senza bisogno di ulteriori autovelox.

      1. Anonimo

        Si, anche, qualsiasi cosa possa evitare che qualcuno sia ammazzato. Ma sono comunque convinto che servirebbero centinaia di autovelox in città e meno tasse per i cittadini. Perché è giusto fare cassa alle spalle di chi si ostina a tenere completamenti potenzialmente così pericolosi e palesemente fuori legge. Le multe, soprattutto quando sono sicure, sono utili per riportare i comportamenti entro limiti accettabili.

    2. anto

      si dovrebbe fare qualcosa per diminuire la velocità delle auto soprattutto nelle ore notturne e col semaforo lampeggiante.
      L’anno scorso ho fatto un incidente proprio in quell’incrocio perché un’auto che tagliava viale sarca a tutta velocità che arrivava da via chiese mi ha preso in pieno
      forse un’ipotesi potrebbe essere una rotatoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.