"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Niguarda – Scuola media Cassinis: una nuova scuola per il quartiere

Una buona notizia per Niguarda: finalmente a settembre sarà attiva la nuova scuola media Cassinis di via Hermada.

Si tratta di un intervento importante di demolizione del vecchio fabbricato e ricostruzione.

L’edificio precedente era un prefabbricato costruito negli anni Sessanta e destinato a una durata piuttosto breve (vent’anni). In realtà rispetto alla “scadenza naturale” la scuola è rimasta attiva ancora a lungo e soltanto nel 2013 si è deciso di sgomberarla trasferendo gli studenti in scuole limitrofe.

Spazi molto ampi, laboratori, una palestra di 200 mq e aule luminose che il quartiere aspettava da anni; anche perchè tra lo sgombero e l’inizio effettivo dei lavori è trascorso molto tempo e la situazione rischiava di diventare particolarmente difficile, come avevamo documentato in un articolo precedente.

La nuova scuola è stata presentata dall’Assessore Laura Galimberti in un incontro pubblico con gli utenti.

La progettazione e direzione dei lavori è dell’Arch. Daniela Mancuso del Comune di Milano, l’importo dei lavori è stato di circa 6 milioni di euro.

Il progetto

 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


17 thoughts on “Milano | Niguarda – Scuola media Cassinis: una nuova scuola per il quartiere

  1. _

    Costo: 6 milioni di euro.

    Ergo coi 200 milioni dell’apertura di quattro moncherini di Naviglio ci rifai a regola d’arte 30 scuole di Milano. E avanzano 20 milioni per rifare 20 piazze tutte belle come piazza Negrelli (costata 720 milioni)

    La vita è fatta di scelte.

    1. Anonimo

      Questi soldi vengono dal piano scuole del governo Renzi, non li ha messi il Comune di Milano. In programma ci sono anche altre 5 scuole.

    2. Anonimo

      720mila euro, volevi dire.
      Concordo in pieno sulla contrarietà della riapertura di pezzettini di naviglio,
      sarebbe certamente meglio spendere i ns. soldi in opere più utili e meno di immagine.
      Ma è proprio vero che non si può far più niente per impedire per esempio
      l’inutile riapertura della martesana in melchiorre gioia?
      Poi i complimenti di Dan alla giunta Pisapia mi fanno tenerezza,
      tutti domani al pic-nic con i migranti?

      1. dan

        Riqualificano totalmente una scuola e voi parlate del pic-nic dei migranti? proprio vero che in Italia se fai qualcosa di buono, nessuno ti è riconoscente.
        Un pochino di onestà intellettuale, le cose buone devono essere riconosciute, anche se la si pensa diversamente. Ah però siamo in Italia, dove la politica ormai è tifo cieco.

          1. Anonimo

            Ristrutturare una scuola è il semplice compito di una giunta, quindi complimentarsi mi sembra fuori luogo.
            Organizzare pic-nic pro migranti é politica invece, caro il mio Dan.
            Fatti un giro per le scuole elementari di Milano, caro il mio Wf, poi vediamo quali sono le priorità, altro che benaltrismo.
            Mente malata lo dici a tua sorella.

          2. Andy77

            @Anonimo 13:30 mettere le scuole a posto è politica perché significa puntare sull’educazione e sulla cultura. Infatti l’attuale giunta di zona 9 ha priorità diverse: di cultura non se ne interessa ed è più attenta alla sicurezza (passaggi pedonali e passi carrabili). Poi non capisco come mai tu sia uscito solo ora con queste considerazioni quando sotto Formentini, Albertini e Moratti le scuole erano lasciate a se stesse ed in via Paolo Sarpi e Viale Padova si andava a vedere la guerriglia urbana come si fosse al cinema (piaceva così a De Corato).
            La scuola è bella, fa il paio con la ristrutturazione della scuola di Via Painell ora bisogna portare a termine le altre. Spero che facciano altrettanto con le biblioteche, dopo quella del Lorenteggio bisognerebbe puntare di più sulla cultura diffusa

  2. Anonimo

    Buon intervento.
    A proposito di politica, nel discorso x la fiducia alla Camera, l’attuale primo ministro non ha mai menzionato la parola scuola o università. Stranamente, neppure il ministro del tutto (quello che ogni giorno parla di un argomento diverso), ha ancora trattato l’argomento.

      1. Anonimo

        Ecco cosa accade se l’istruzione funziona male. Gente frustrata che si sfoga nascosta dietro al pc. Possiamo compatire la tua infelice esistenza.

        Si prega l’admin di UF di rimuovere post come quello del sig. Padagna.
        Ne va della vostra dignità, e della sua, se ne ha una.

    1. Anonimo

      Il commento razzista era inutile, forzato e fuori contento. Han fatto bene a rimuoverlo.

      Che i soldi sarebbero meglio spesi in cose più utili per Milano che 4 mozziconi di Naviglio invece, non è fuori tema e nemmeno benaltrista ma esattamente quello che si deve discutere nel dibattito pubbico. Quindi accusare questa opinione di “benaltrismo” è abbastanza stupido, IMHO.

  3. Wf

    Si parla donna scuola .
    Si risponde cè ben altro…

    Forse ti serve un vocabolario per capire il termine benaltrismo…
    Benaltrista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.