"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Affori – Cantiere Porta Nord: aggiornamento fine giugno 2018

Ecco alcune immagini che mostrano lo stato avanzato del cantiere a nord della stazione di Affori di Porta Nord. Per l’area posta a sud della stazione, dovremo aspettare ancora un po’ per vedere finalmente un cantiere.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


4 thoughts on “Milano | Affori – Cantiere Porta Nord: aggiornamento fine giugno 2018

  1. Andy

    I soliti palazzoni orripilanti, che abbassano la qualità della vita e isolano chi ci vive. Ma come ca**o si fa continuare su questa strada oscena?!?! Sembra la periferia di Belgrado o di Praga, ossia dei “paradisi” comunisti

    1. Luca

      Dal rendering non sembrano affatto così orripilanti oltre ad essere tecnologicamente evolute. In ogni caso Milano paga spazi ridotti (ormai solo prossimi a scali ferroviari) e la conseguente eccessiva densità abitativa che costringe a realizzare soluzioni di dimensioni notevoli. Soluzioni abitative più fighe ci sono ma a 7/8 mila euro al mq. decisamente molto…. troppo selettive, mentre queste costano 2.300 la mq.

  2. Anonimo

    Questo è niente rispetto a quello che ci aspetta in futuro nei dintorni delle fermate di metro e ferrovie: la proposta di PGT aumenta a dismisura le volumetrie possibili, in modo da avere più gente possibile che abita nei pressi del trasporto pubblico.

    Non bellissimo (ma in queste foto non si può giudicare l’estetica) ma comprensibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.