"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Ponte Seveso – Quello slargo che potrebbe ospitare almeno un albero

Ci avevamo provato già lo scorso anno, inutilmente, mostrando come la piazzetta formata dall’incrocio tra le vie Gluck, Sammartini e viale Lunigiana, potesse diventare più bella con un aiuola e almeno due alberi, invece cosa è successo? E’ stato eliminato qualsiasi tipo di parcheggio ed è stata posizionata una rastrelliera per il Bike-Sharing.

Ci chiediamo se costava così tanto invece, creare un’aiuola e piantare almeno un albero (Platano o Bagolare) che col tempo avrebbe creato un po’ d’ombra e di respiro in questo angolo così desolato.

Abbiamo provato a immaginare come potrebbe essere questo luogo con un po’ di verde

Invece ecco come appare la piazzetta (che potrebbe avere anche un nome): catrame e basta.

Articolo pubblicato anche su Affari Italiani Milano




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


8 thoughts on “Milano | Ponte Seveso – Quello slargo che potrebbe ospitare almeno un albero

  1. Anonimo

    Prima foto: semaforo con pezzi rotti/mancanti. Unito alla cura e precisione con cui son stati installati i dissuasori dà proprio l’impressione di una città che sui lavori pubblici sa il fatto suo.

  2. Walter

    La foto della spianata di catrame e’ deprimente … Milano ha bisogno di alberi e di verde, soprattutto in certe zone (e Viale Lunigiana e’ una di queste). E metterci due piante non costa niente … un’ altra occasione persa !!!

  3. Marco

    Buongiorno, secondo voi c’è la possibilità di fare un social crowdfunding per sostenere la realizzare e la manutenzione di queste idee che proponete? E come poterlo fare?

  4. _

    In quella zona non c’è un Municipio, una Associazione di Quartiere o anche solo un pensionato volenteroso che potesse dare una mano al Geometra Comunale per pensare qualcosa di minimamente decente e civilizzato?
    Quella spianata malfatta di bitume sembra una presa in giro.

  5. Precotto doc

    Il geometra comunale prende ordine dal sindaco e dai i suoi compagni di merenda , non diamo la colpa hai dipendenti

    1. Anonimo

      Assessore o Geometra, spero che all’Inferno (o in Purgatorio per essere buoni) ci sia un girone apposito per loro.

      Un bel girone disegnato da qualche Archistar famosa (tipo quello di Scampia…) in cui passino la giornata a vedere le foto di UF ed il frutto del loro lavoro su questa terra.

  6. Anonimo

    Ma come… Sala ha detto che non sa dove piantare gli alberi a Milano. Come avete fatto a trovare un fazzoletto di catrame dove si possa piantare un albero. Siamo sconcertati dal fatto che una giunta che si è fatta eleggere facendo del verde in città uno dei suoi cavalli di battaglia in campagna elettorale non si sia accorta di questa opportunità !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.