"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Romana – In via Friuli apre il mercato agricolo più grande della Lombardia

Da oggi, in via Friuli 10, a pochi metri dalla fermata della M3 Lodi, potrete acquistare frutta e verdura fresca, formaggi e salumi biologici a chilometro zero. Infatti stamattina è stato inaugurato con la presenza del Sindaco Beppe Sala e altre autorità. il Mercato di Porta Romana di Coldiretti Lombardia, il più grande mercato coperto della regione.

Il mercato è stato ricavato all’interno di uno stabile industriale che precedentemente ospitava un’ex officina meccanica. Lo spazio è di oltre 700 metri quadri e in vendita ci saranno 40 produttori che proporranno anche eccellenze e prodotti particolari come caviale, cosmetici naturali, birra artigianale e, in estate, ‘agrigelato’, il gelato artigianale realizzato dai produttori agricoli con materie prime provenienti dalle proprie aziende.

Il mercato sarà aperto ogni settimana dal mercoledì al sabato, dalle 8 alle 14




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Milano | Porta Romana – In via Friuli apre il mercato agricolo più grande della Lombardia

  1. _

    Chilometro zero.
    Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con un orto e abiti nella zona di Milano, sa benissimo che i bellissimi peperoni, zucchine e melanzane (!) che si vedono nelle foto non c’è verso di coltivarli in Lombardia a Novembre. 🙂

    Poi chiaro che con le megaserre puoi anche avere anche i pomodori freschi in Lapponia per Natale…
    W il Marketing, motore dell’economia e del mondo!

    1. _

      Beh adesso la foto con peperoni e melanzane non c’è più…e mi sembra tutta frutta e verdura di stagione e quindi ragionevolmente a chilometro zero e basso impatto. Quindi fa venire voglia di andarci!
      (si potrebbe discutere sui pomodori lombardi in novembre della foto 8 ma in fondo fa ancora un caldo insolito 🙂 )

    1. matteo

      non pensi ma neppure sai, eppure deduci, sulla base del nulla.
      vai con le tue gambe e scopri invece di digitare fuffa!
      poi facci sapere eh 😉

      1. Anonimo

        Ammetterai che venderci il caviale e la temibilissima “birra artigianale” (che costa al litro il doppio di un buon vinello a km=0 sul serio) non è il miglior biglietto da visita per un posticino alla buona con le verdure del contadino alla portata di tutti…

  2. Storno

    Si può già pre-giudicare perché di saranno i produttori che partecipavano al mercato contadino di via Ripamonti. Fra l’altro, a cosa servono le foto e la recensione se non a pre-giudicare sull’opportunità di andarci?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.