"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Castello – La riqualificazione dell’area verde di piazzale Cadorna

Siamo tornati a scattare qualche foto al cantiere per la riqualificazione dell’area a verde di piazzale Cadorna. L’aiuola che si trova tra Foro Buonaparte, via San Nicolao e via Carducci. Lo spazio verde aveva al centro un area di “pausa” con panchine in pietra e tavolini con scacchiere che ora sono stati eliminati, almeno così appare.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


8 thoughts on “Milano | Castello – La riqualificazione dell’area verde di piazzale Cadorna

  1. Anonimo

    Hanno fatto bene a togliere l’area di sosta e le panchine. Serviva solo agli ubriaconi che vi stazionavano perennemente impedento l’utilizzo dell’ area agli altri.

    Speriamo che non la rimettano.

      1. Anonimo

        Quindi sostieni che va riqualificata affinché gli ubriaconi la possano inzozzare in pochi giorni scoraggiando chiunque ad attraversare quel pacchetto ?

  2. Anonimo

    Comunque come al solito si tratta di una riqualificazione a spese di privati. Il parchetto infatti sarà rimesso a nuovo da Luxottica. I soldi delle nostre tasse, area C e multe varie invece difficilmente si riesce a capire dove vengano spesi.

    1. Andy77

      Quindi anzichè essere soddisfatti perchè diverse opere vengano fatte fare a privati che hanno comunque interessi nella zona e le utilizzano (i dipendenti ni qualche modo dovranno andare in Luxottica in piazza Cadorna) dobbiamo lamentarci comunque con discorsi fuori tema?

  3. Anonimo

    @ Andy 77… nessuno si lamenta. Anzi ben vengano le opere finanziate dai privati e in futuro speriamo che aumentino.
    Detto questo però mi sembra che Milano ci marci un po’ troppo. Se tutto il bello viene fatto dai privati, i soldi delle nostre tasse come e quando verranno impiegati per rendere Milano una città più vivibile.

    La domanda mi sembra lecita e non c’è nulla di cui scandalizzarsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.