"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Lotto – Palalido: ultimi interventi e a giugno l’inaugurazione

Ci siamo, oggi siamo stati a vedere il cantiere del Palalido – Allianz Arena in piazzale Stuparich.

Entro la fine di aprile saranno sistemate tutte le 3500 seggioline per ospitare gli spettatori che affolleranno da metà giugno la piccola arena sportiva di Milano. Sarà anche sistemata la pavimentazione (che ancora mancava per non essere rovinata) della piastra sportiva e soprattutto il grande cubo centrale che illustrerà i risultati delle varie competizioni, tutti pronti comunque per essere montati.

Siamo rimasti colpiti positivamente dal cantiere, già dall’ingresso, dove il piazzale d’entrata era piastrellato in pietra anziché col catrame, un tocco elegante di sicuro. Ascensori per disabili compresi anche per accedere ai sotterranei dove si trovano gli spogliatoi degli atleti e le sale per la stampa.

L’edificio, come si sa, ha avuto non pochi problemi, come ha spiegato l’assessore allo Sport del Comune, Roberta Guaineri alla stampa. Infatti dopo la partenza con la demolizione del vecchio impianto nel 2013, ritardata dal ritrovamento dell’amianto, i lavori, partiti quasi subito, sono stati arrestati diverse volte per i problemi delle aziende che avevano vinto l’appalto, ora i lavori sono quasi terminati. Il costo dell’opera è stato di 18 milioni di euro, come ha detto l’assessore. A maggio ci saranno i collaudi come da prassi e poi a metà giugno si potrà aprire al pubblico, tanto che la prima competizione il 21, 22 e 23 giugno in occasione della Volleyball Nations League.

Il Palalido comunque non entrerà nel pacchetto olimpico, perché on attrezzato per il ghiaccio e non abbastanza capiente (minimo per le competizioni olimpiche serve un impianto da 5000 posti).

Come si è detto, la struttura non sarà solo dedicata allo sport ma anche intrattenimento e musica, infatti nelle intenzioni del Comune si potranno ospitare anche concerti e convention. 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


26 thoughts on “Milano | Lotto – Palalido: ultimi interventi e a giugno l’inaugurazione

    1. Pierre

      Si e poi si!
      3.500 posti e 2 metro a 100 metri (oltre il capolinea dei bus di circonvallazione).
      Mancano solo le linee suburbane e la TAV e poi ci puoi arrivare con qualsiasi mezzo da tutta Milano.

      Ma stiamo scherzando?
      Prova ad andare al Madison Square Garden in macchina!

  1. Renato S.

    Geniale. 3500 spettatori e zero parcheggi. Neppure per i bus dei gruppi.

    Ma il mantra è “c’è la metropolitana” a Lotto. Crediamoci.

    1. Anonimo

      Beh dai, con 3.500 posti dovrebbe attrarre solo concerti di nicchia e poco più che volley e Taekwondo (e questo non è uno scherzo, l’ha detto l’Assessora oggi). Oltre che qualche convention di partito e amenità simili.

      Insomma, con tutto il rispetto (per il volley), niente che richiami carovane bibliche di fan… 😉

      1. Renato S.

        Appunto. Calcolando 50 pax a bus a 2 pax per auto, se solo un terzo degli spettatori arriva da fuori e non usa la metro sono “solo” 23 autobus oppure 582 auto da parcheggiare. Dove, non si sa. Evviva!

        1. Anonimo

          Mah, le auto potrebbero parcheggiare in qualcuno degli innumerevoli parcheggi coperti sempre semivuoti di cui è costellata Milano… per esempio il Parcheggio San Siro, che si trova sì e no a 300 m dal Palalido, o l’autosilo Italiana Parcheggi in via Masaccio, circa 600-700 metri.

          I più illuminati potrebbero perfino lasciare la macchina in un parcheggio di interscambio e prendere la metro.

          Ma si sa, per l’italiota medio, non poter parcheggiare ESATTAMENTE DAVANTI a dove deve andare, o peggio ancora, PAGARE PER LA SOSTA, sono onte da lavare col sangue… piuttosto parcheggia in verticale su un platano o infila la macchina tra due archetti appoggiata su fiancata.

          Tra l’altro gli eventi li facevano anche al vecchio Palalido, quando non c’era la M5 e MOLTA più gente si spostava in macchina rispetto ad ora, e a memoria non mi ricordo di nessun dramma particolare.

          PS non è che i parcheggi vicini li conosco perché abito in zona… ho semplicemente fatto una ricerca su Google Maps, cosa che può fare qualsiasi individuo di media intelligenza e dotato di mano prensile con pollice opponibile.

          1. Anonimo

            Al di la delle opposte esagerazioni di chi prevede fiumi di macchine e del sarcasmo di chi ha sempre la verità in tasca, è vero che non c’è un parcheggio anche minimo per i bus squadre, auto di servizio, sicurezza, regie RAI e il minimo dovuto per persone disabili.
            30 anni fa non ci si pensava e ci si arrangiava ma gli stadi moderni un minimo di queste cose le prevedono sempre, anche se poi ci sta che a concerti o partite in zone urbane non ci si vada in macchina o la si lasci in parcheggi più esterni.

          2. Anonimo

            Premetto che da appassionato di volley per diversi anni (primi 2000) ho bazzicato molto il PalaLido e lo dico da “giargiana” che arrivava dalla provincia.
            L’auto molto spesso la lasciavo a Lampugnano e mi facevo quelle due misere fermate di metro o nelle giornate di minor affluenza la lasciavo davanti all’ostello. La capienza era la medesima e di media una squadra di volley fa intorno ai 2000 spettatori, il pieno solo in 4/5 partite di cartello e durante i playoff.
            Insomma direi che fare un affare di stato per la mancanza di parcheggi (che non sono mai esistiti anche per il vecchio Palalido) mi sembra davvero eccessivo

    2. Anonimo

      Veramente le metropolitane, perché a Lotto ferma anche la lilla. Inoltre a 500 metri poi c’è QT8, senza considerare che lì o poco distante fermano anche le linee 90/91, 68, 78, 98. Quindi sì, crediamoci.

  2. max

    ma giusto per la cronaca il vecchio palalido quanti posti aveva?
    Ci ero stato una ventina di anni fa e sinceramente faccio fatica a capire il razionale di quello che hanno fatto per avere un impianto da soli 3500 posti a Milano…. non va bene nemmeno per farci tornei di tennis (next gen finals quanti posti hanno in fiera?)

  3. Anonimo

    Oggi è raggiunto da ben 2 linee di metropolitana; chi pensa di venirci in auto è un pirla. Ed in ogni caso neanche il vecchio Palalido è mai stato dotato di parcheggio (ci si arrivava prevalente con la 90-91). Il vero scandalo sono i 9 anni occorsi per un palazzetto che non risolverà nessun problema degli impianti di Milano; fosse successo a Roma avrebberò chiesto le dimissioni dell’intera giunta comunale, qui ben due sindaci l’hanno “sfangata”…

  4. Davide

    6 anni per farlo meno capiente di prima…sul secondo anello ci sono più uscite che posti a sedere.
    Ma chi è il genio che lo ha progettato??

  5. Andy77

    Infatti è molto difficile fare 450 metri da Lotto (M1+M5), per non parlare degli 550 insormontabili 550 metri dalla stazione QT8 (linea rossa)
    Mi chiedo coma mai non abbiano fatto un parcheggio da 5 mila posti sotto il palazzetto.

  6. Andy

    Be’, vivendo nel mondo dorato dei sogni, 3500 persone possono venire coi mezzi pubblici, a cavallo, in taxi, sul somarello o in bici. Però, soprattutto nei concerti serali, vogliamo pensare che arrivino almeno 500 auto? Dove le ficchiamo? Mi verrebbe da dire a casa di Wf o a casa di anonimo delle 18.43, che oltre a sbagliare i congiuntivi parla di “numerosi parcheggi semivuoti”. Sì ma, dove? Certo, si può parcheggiare a Monaco di Baviera e poi prendere l’aereo. Ottima idea. Oppure a Pavia e prendere il treno, poi 2 linee di metropolitana. Ottimo. Io però tutti questi parcheggi non li vedo. Semuvuoti, poi. Non commento nemmeno l’dea di parcheggiare a San Siro o in via Masaccio, perché direi delle volgarità.
    Resta il fatto, comunque, che il Palalido aveva 3500 posti. Ora, dopo anni e anni e anni di lavoro, ci troviamo ancora con un impianto …da 3500 posti. Geni dei progetti ne abbiamo? Notizie di assessori svegli?

    1. Renato S.

      Concordo in pieno. Ma tanto a loro zero interessa. 500 auto e 100 bus in sosta sui marciapiedi del quartiere. E chi se ne frega. Alla peggio un po’ di cassa per i verbali di divieto di sosta.

      Trattano il Palalido come fosse La Scala. Auguri

      1. Andy

        Sono dei poveri mentecatti, illusi di vivere nel loro mondo fatato: loro vanno in bici? TUTTI devono andare in bici. Loro amano Orietta Berti? TUTTI devono amare Orietta Berti. Loro usano le calze corte e votano PD? TUTTI devono avere le calze corte e votare PD. Infatti esprimo politici che fanno del “non fare un cazzo” la loro ragion d’essere. Al massimo accolgono la svedesina Greta e le regalano una copia del Duomo fatta con gli stuzzicandenti. Riciclati, ovviamente.
        Ritornando al Palalido (ma la cosa vale anche per i cinema, gli stadi, i centri commerciali e il 90% delle zone residenziali di Milano) sarà normale che 500 auto arrivino in zona, oltre a – sono cauto coi numeri – 7 o 8 pullman. Dici bene, Renato S: posteggeranno alla cannolo di quadrupede, ben sapendo che i vigili, alla sera, non passano quasi mai.
        Ecco qui la Milano degli imbecilli!

    1. Anonimo

      e pensi sul serio che sia il posto giusto per i bus delle squadre, i disabili, le regie mobili RAI, le forze di sicurezza?

  7. wf

    Non si riesce proprio a uscire da una mentalità auto/droga dipendente.

    Neppure nell’incrocio piazza con più linee di mezzi pubblici di tutti i tipi di Milano.

    Neppure con 200 silos parcheggi a pagamento nel giro di 300mt

    E’ proprio la mentalità del TUTTO gratis TUTTO comodo ZERO sforzi TUTTO dovuto

    1. Andy

      Ma, mi chiedo: tu in vacanza vai sul calesse? Quando ordini un frigorifero, come pensi che te lo consegnino? Quando tua zia sta male, come la porti di corsa in ospedale? Quando l’amante di tua moglie si laurea all’Università di Padova, come vai ad applaudirlo? E quando la sera devi accompagnare tua moglie in viale Caldera, come la porti? Domande irrisolte, per un somarello di sinistra come te.
      Mi chiedo se tu viva nel mondo reale o sia un trolllll da tastiera che deve ancora capire che il sole sorge a ovest e tramonta a est. Anzi no…viceversa.
      Ma sta’ zitto…

      1. Andy77

        Povero Andy..in fondo ti capisco..non puoi frenarti dall’insultare..di fronte all’evidenza di mezzi più che sufficienti e parcheggi esistenti non hai più l’attenuante di fare quello che vuoi con l’auto…poi WF, da buona persona civile e ambientalista realista, l’amante della moglie lo fa parcheggiare in un posto con l’abbonamento convenzionato col comune di Milano…Mica spara frasi ad effetto pre-confezionate da altri come te….

  8. Andrea

    Premetto che non ho mai assistito ad una partita di volley e non sono mai stato al palalido ma mi chiedo: veramente in un palazzetto che contiene un terzo dei posti a sedere dell’Arena Civica, ci sono tutti questi problemi di accesso per tecnici, troupe televisive e forze di sicurezza?

    1. Anonimo

      No. Tra marciapiedi, vie limitrofe e divieti temporanei di transito ci si arrangia in qualche modo senza problema. Anche alla Scala si smontano le panchine per mettere i camion RAI, figuriamoci se un qualche accrocchio non si trova al Palalido.

      Lascia però che da bravi umarell si commenti un progetto pensato non benissimo e realizzato in modo diversamente veloce.

  9. Wf

    Precottino buona pasqua anche a te…
    🤣🤣🤣
    Si vede che la santa pasqua ha portsto gioia e serenità a te e ai tuoi familiari…
    🤣🤣🤣

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.