"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Garibaldi – Piazza Freud e il passaggio che non esiste (per il Comune)

In attesa che il Comune e soprattutto le Ferrovie sistemino piazza Freud a Porta Garibaldi, e aspettando che venga anche aperta la scalinata che porta al podio e alla Biblioteca degli Alberi, abbiamo scattato un po’ di foto al passaggio (che non sarebbe consentito secondo i tecnici del Comune) che dal livello inferiore di piazza Freud porta al livello strada di viale Sturzo.

In teoria i “designer” tecnici del Comune, avevano pensato di lasciare un’aiuola lungo la salita, ma nel corso del tempo i cittadini, come sempre, si arrangiano e naturalmente scelgono la strada più breve per unire due punti. Così l’aiuola è stata disintegrata dal calpestio dei pedoni e questo che si vede è l’effetto ad oggi: un tratto di terreno nudo, dove l’erba non cresce più e anzi, mette a rischi anche l’incolumità dei pedoni stessi.

Lo avevamo detto più volte in precedenti articoli, ma questo tratto di marciapiede è un vero e proprio percorso ad ostacoli per i pedoni: moto parcheggiate sul marciapiede che rendono il passaggio difficoltoso, pali, cestini, biciclette e persino misteriosi oggetti inutilizzati (vecchie strutture portanti cartelloni pubblicitari in disuso).

Insomma, un arredo urbano inesistente e dove regna solo la sciatteria, cosa comune a molte are della città.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


7 thoughts on “Milano | Porta Garibaldi – Piazza Freud e il passaggio che non esiste (per il Comune)

  1. ManueL

    I passaggi esistono. Ne esiste anche sotterraneo che nessuno utilizza ed è diventato una palestra da ballo. La realta è che quasi nessuno sa cosa/come fare, insomma come comportarsi; è un continuo… “disturbarsi” a vicenda. E’ più ordinata una mandria di vacche!.

    1. Anonimo

      “L’intervento valorizzerà la peculiarità intermodale della stazione e ristabilirà decoro urbano ad una delle porte privilegiate di accesso alla città – dichiara l’assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura Pierfrancesco Maran -. Piazza Freud infatti non è solo l’ingresso ad una stazione frequentata ogni giorno da migliaia di persone che utilizzano i mezzi pubblici – due line della metropolitana, treni urbani, suburbani, linee nazionali e internazionali, mezzi in sharing – ma è anche un punto di collegamento con il contesto circostante, dove uno dei piani urbanistici più prestigiosi degli ultimi anni ha ridefinito lo skyline della città con edifici di elevata qualità architettonica”.

      Correva l’anno 2017 e i lavori dovevano finire nel 2019. Speriamo bene!

      https://blog.urbanfile.org/2017/10/27/milano-porta-garibaldi-la-riqualificazione-piazza-sigmund-freud/

  2. Marco

    Non ci voleva molto a capire che i pedoni una volta usciti dalla MM e girato a destra avrebbero percorso il tratto più breve per raggiungere le strisce pedonali.
    La scalinata è stata messa in posizione errata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.