"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Montagna | Kids | Val Codera

Finalmente è arrivato agosto, tempo di vacanze per tutti o quasi, nell’attesa di partire o se siete appena tornati e a Milano non volete proprio stare vi proponiamo alcune gite di uno o due giorni da fare con tutta la famiglia.

La prima non poteva che essere al fresco, in montagna, in un luogo che amiamo molto e che ogni volta ci sorprende, la Val Codera. La Val Codera fa parte del comune di Novate Mezzola (SO), è una valle secondaria della Valchiavenna e ha il suo omonimo borgo, Codera, abbarbicato sulla montagna.

Questo paese da fiaba, con le sue belle case costruite in pietra locale ha una particolarità, non può essere raggiunto in auto, questo motivo insieme alla bellezza selvaggia della valle che lo accoglie, lo rende una meta molto amata e frequentata da chi cammina in montagna, in Lombardia e non solo. Si perché Codera è anche un luogo fondamentale per la storia dello scoutismo italiano e ogni anno centinaia di scout da tutta Italia affrontano gli impervi gradoni del suo sentiero per visitarla e soggiornarvi. Ma come si raggiunge? Le strade, anzi i sentieri sono essenzialmente due, il primo, più corto ma decisamente più impegnativo proprio a causa dei gradoni sopra nominati, parte da Novate Mezzola, località Castello e in circa 1.30 / 2 ore permette di arrivare alla bella Codera passando per la frazione di Avedee.

La seconda opzione, con partenza da Verceia, (acquisto del pass 5€, bar Val dei Ratt) è quella che mi sento di consigliare per una gita di due giorni in famiglia, magari con pernottamento a Codera. Potrete percorrere il famoso “Tracciolino”, 10 chilometri di sentiero pianeggiante che si snoda a circa 900 metri di quota, il percorso ha una vista mozzafiato sul lago di Novate Mezzola, il lago di Como, le montagne dell’Alto Lario e i paesini sottostanti, come lo splendido borgo di San Giorgio che avvisterete a circa metà percorso. Il Tracciolino nasce come opera ingegneristica, realizzata negli Anni ’30 per collegare due dighe, in Val Codera e in Val dei Ratti con una ferrovia oggi non più in funzione ma di cui sono stati conservati i binari. Nella prima metà del percorso ci sono svariate gallerie, per questo motivo vi consigliamo di munirvi di torce, scarpe da trekking e un abbigliamento adatto (potrebbe fare fresco all’interno delle gallerie). Se avete bimbi piccoli che potrebbero stancarsi il nostro consiglio è optare per uno zaino porta bambini, inoltre vi segnaliamo che fino a Codera non ci sono punti di ristoro e che lungo il sentiero non ci sono fonti d’acqua, quindi premunitevi del necessario per un pic-nic e di una buona scorta d’acqua.

Per raggiungere Codera bisogna lasciare il Tracciolino e seguire le indicazioni, si passa per il minuscolo paese di Cii, si scende fino ai ponti romani dove potrete ammirare l’impetuoso torrente Codera e si affronta una breve salita. Una volta arrivati in paese, oltre a sentirsi trasportare indietro nel tempo, vi troverete due rifugi l’Osteria Alpina, proprio di fronte all’imbocco del sentiero e la Locanda (raggiungibile in un paio di minuti). Per la posizione e la cortesia del locandiere Andrea vi consigliamo quest’ultima, se decidete di pernottare vi raccomandiamo di prenotare e di munirvi di sacco a pelo.

https://m.facebook.com/LaLocandaCodera/?locale2=it_IT

http://www.comune.novatemezzola.so.it/hh/index.php




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


One thought on “Montagna | Kids | Val Codera

  1. CQuadro

    Purtroppo il sentiero del Tracciolino è chiuso per lavori di messa in sicurezza, è impossibile percorrerlo nel tratto sopra San Giorgio (ci ho provato il 29/7). Prima è meglio contattare il comune di Novate Mezzola per avere informazioni aggiornate a riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.