"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Vigentina – Fermate Tram linea 24. Da via Ripamonti a Crocetta

Proseguono i lavori per l’adeguamento delle fermate tranviarie lungo la direttrice Crocetta-Via Ripamonti per la linea del 24. Sappiamo che in alcuni punti di via Ripamonti, il restringimento delle carreggiate sta creando non pochi problemi di viabilità, sollevando, come immaginabile, non pochi malumori.

Siamo partiti dall’incrocio di via Ripamonti con le vie Lorenzini e Carlo de Angeli.

Superiamo il ponte ferroviario sullo Scalo Romana e ci ritroviamo nelle due nuove fermate appena completate di via Ripamonti con viale Isonzo e Viale Toscana. Qui sono anche state, finalmente, messe in protezione le aiuole alzando un nuovo cordolo che impedisce il parcheggio selvaggio.

Come si vede dalle immagini, le fermate sono state piastrellate con autobloccanti in cemento rosso.

Volevamo comunque far notare come, la fermata Via Ripamonti Viale Sabotino sia stata realizzata in modo assurdo. Lasciando un pezzettino, contro le vetrine, in catrame e il resto realizzato in autobloccanti. Ci siamo chiesti perché non sia stato tutto piastrellato anziché creare quegli stupidi “rattoppi”.

Sono stati anche modificati alcuni scivoli sui marciapiedi dell’incrocio, Ripamonti, Sabotino e Bligny. Sembra proprio siano stati realizzati, secondo noi, in modo superficiale, senza un progetto che abbia cercato di riqualificare l’incrocio e la vita ai pedoni.

Forse poteva essere l’occasione per riqualificare quest’anglo che rimane decisamente nella sciatteria. Pali, intoppi di ogni genere, catrame a pezzi, fioraio, formano un insieme caotico in questa piccola piazzetta creata dall’incrocio anche con via Salasco.

Noi ci siamo sempre chiesti perché il Comune non ci pianta un albero e un aiuola? Perché non rendere più “umano” questa spianata di catrame? Noi, non abbiamo resistito e abbiamo provato a piantare un bel platano (già cresciuto). Certo non risolverà la tristezza dei palazzi circostanti (alcuni decisamente bruttini), ma decisamente darebbe un tocco differente all’insieme.

Proseguiamo nel nostro cammino verso Crocetta. Qui è stata creata l’altra fermata di Via Ripamonti Viale Sabotino. Volevamo far notare che, per non spostare un tombino, come al solito, questi interventi al risparmio, trovano delle soluzioni alquanto ridicole, come il “girare” attorno all’ostacolo (seconda foto qui di seguito).

Eccoci in Corso di Porta Vigentina, dove è in fase di realizzazione la fermata con Crocetta e M3. Qui, essendo zona di “pregio monumentale”, le piastrelle saranno in pietra e non come le precedenti, in semplice autobloccanti in cemento.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


8 thoughts on “Milano | Porta Vigentina – Fermate Tram linea 24. Da via Ripamonti a Crocetta

  1. antonio cornacchione

    A me sembra un bel lavoro.. la piazza di Sabotino andrebbe ripensata ma questo è un appalto per le fermate del Tram. Ricordo che fino agli anni 80 al posto di quel edificio moderno col tetto a cupola resisteva una vecchia cascina con l’immagine della madonna, abbattuta senza pietà……

  2. antonio cornacchione

    A me sembra un bel lavoro.. la piazza di Sabotino andrebbe ripensata ma questo è un appalto per le fermate del Tram. Ricordo che fino agli anni 80 al posto di quel edificio moderno col tetto a cupola resisteva una vecchia cascina con l’immagine della madonna, abbattuta senza pietà……

  3. Anonimo

    Milano merita dei tecnici comunali migliori.
    Tutti i lavori che non prevedono l’intervento di privati sono fatti al risparmio, progettati in modo discutibile e non completamente risolutivi. Peccato, un gran peccato perché per rimettere mano a questi interventi passeranno 40-50 anni. Le cose vanno fatte bene subito e per sempre.

  4. Bruno

    Aggiungo che le vecchie banchine di fermata sono rimaste praticamente tal quali, nessun intervento di demolizione o risistemazione a parte togliere la pensilina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.