"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Missori – Quegli scarabocchi sulla chiesa

Ci risiamo … nessuno pare prendersi cura di ripulire dalle scritte il secolare muro della chiesa barocca di Sant’Alessandro in Zebedia, uno dei primi esempi del barocco al mondo.

La via dello scempio è via Zebedia, che collega la piazza Sant’Alessandro con piazza Missori; è una graziosissima stradina che costeggia la possente chiesa. Possibile che in tutti questi anni nessun ente si sia preoccupato di ripulire il muro dalle scritte? Scritte e scarabocchi più volte segnalati in alcuni articoli negli anni scorsi (2017).




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


8 thoughts on “Milano | Missori – Quegli scarabocchi sulla chiesa

  1. Anonimo

    Anche se in misura minore, lo stesso succede a San Fedele. Dello scandalo dell’abside di San Lorenzo già avete detto più volte.

    Continuo a non capacitarmi di come questo fenomeno sia stato sconfitto, o almeno fortemente contenuto, in tutte le principali città dell’Occidente, ma non in Italia.

  2. Lorenzo Lamas

    Nell’impossibilità di addebitare i costi all’imbrattatore di turno, mi sembra ovvio – purtroppo – a chi competa l’onere di ripulire.
    In questo caso, così come negli altri.

    Io invece non riesco a capire il disinteresse dei condomini a questo problema.

    Capisco la rabbia ma purtroppo si deve provvedere. Anche questo è decoro.

    1. Anonimo

      In questo specifico caso, i “condòmini” sono molto più interessati all’Amazzonia che a quel che hanno ereditato da custodire a Milano… 🙂

  3. Anonimo

    dovrebbe occuparsene la chiesa, magari.
    non è che fa tutto l’amministrazione pubblica sua sponte, eh.
    c’è un servizio amsa apposito: chiami, fai fare un preventivo e procedi.
    certo, è un costo (non stellare) come lo è per tutti i condomini imbrattati dai campioni della bomboletta.

    1. Anonimo

      Nessuno pensa che lo debba fare il comune, che non è capace neanche di pulire i suoi di muri… (figuriamoci di combattere il fenomeno graffiti)

  4. Anonimo

    che schifo, e concordo sul fatto che rimane un fenomeno tutto italiano. Di qualcuno sarà la colpa. Al di là delle punizioni, è necessario che il Comune continui a ripulire e anche gli stessi Condomini, non è accettabile che in palazzi del centro abitati da gente benestante non ci si curi di ripulire le facciate! il solito senso civico italiano. A degrado, si aggiunge degrado

  5. ziko

    “Non riuscite a capacitarvene”, “non capite”, “Dovrebbe occuparsene…”

    La questione è molto più semplice: finché si continuerà a tollerare queste cose con un “massì, sono ragazzi…”, continueremo a vedere questi scarabocchi.

    Serve tolleranza zero, telecamere (con revisione della legge sulla privacy) e pene severissime. Gli imbecilli che imbrattano i muri capiscono solo la legge del carcere (vero) e delle multe salatissime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.