"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cinque Vie – Parte la riqualificazione in via Zecca Vecchia

Finalmente è stato approvato il progetto che prenderà forma al posto dell’Ex Garage Sanremo in via Zecca Vecchia.

Infatti è stato approvato sia dal Comune che dalla Sovrintendenza la proposta preliminare del restyling dell’area abbandonata dell’ex Garage Sanremo nel cuore della Cinque Vie, a due passi da via Torino.

In pratica al posto del vecchio e decrepito garage Sanremo, sarà ricostruita la cortina di edifici simili al contesto storico con un nuovo spazio alberghiero.

Il progetto architettonico è stato sviluppato dal team dello studio RIMOND coordinato dagli architetti Barbara Pighi e Gregorio Praderio.

Il cuore antico di Milano formato dal distretto delle Cinque Vie è da sempre rimasto bloccato da piani urbanistici partiti negli anni tra le due guerre mondiali e in parte distrutto dalle demolizioni belliche ma mai risanato e risolto (rimangono ancora oggi parecchi vuoti urbanistici). L’area comprende l’antico centro di Mediolanum, vie Zecca Vecchia, Fosse Ardeatine, Valpetrosa e Piazza San Sepolcro. Quest’ultima oggi un parcheggio a cielo aperto tra palazzi antichi e una chiesa tra le più importanti della città.

L’obiettivo del progetto è quindi quello di sanare questa ferita; di contrapporre al gesto violento di demolizione un esercizio paziente di ricostituzione del tessuto urbano.

Il progetto prevede l’insediamento di una struttura alberghiera formata da 194 camere di elevato livello qualitativo, in linea e a rinforzo della nuova attrattività internazionale della città di Milano e delle caratteristiche storiche della zona, ricca di monumenti e risorse culturali come la Biblioteca e la Pinacoteca Ambrosiana, da promuovere e valorizzare pienamente.

Il nuovo edificio rispetterà il contesto riproponendo facciate in linea rispettando le altezze massime e gli orientamenti lungo le giaciture della città antica. Lo scavo, in accordo con la Sovrintendenza di Milano, sarà l’occasione per un’ampia indagine sulla storia e sulle stratificazioni passate della città, data la sua prossimità con l’area dell’antico Foro Romano.

Il sottosuolo ospiterà, in base alle indagini archeologiche che saranno effettuate, parcheggi pertinenziali a servizio anche delle forze dell’ordine che attualmente occupano piazza San Sepolcro.

Questo consentirà, oltre alla sistemazione delle strade intorno all’edificio, anche la riqualificazione pedonale di uno dei luoghi più significativi della città, oggi in qualche modo dimenticato e vandalizzato da vetture e motocicli. Verrà inoltre ceduta al Comune e sistemata l’area a verde di via Scaldasole, già utilizzata oggi come giardino condiviso a servizio dei cittadini. I lavori sull’area dell’ex garage, prima di demolizione e poi di scavo, inizieranno con l’inizio dell’anno nuovo. 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Milano | Cinque Vie – Parte la riqualificazione in via Zecca Vecchia

  1. Trovatore

    Da sempre la piazza è stata uno schifosissimo parcheggio, che sia la volta buona. Lo spero proprio. Chissà come sarà il palazzo, questo mi incuriosisce.

  2. Anonimo

    Finalmente si fa qualcosa di buono in quello che a mio avviso è il quartiere più suggestivo della città.

    Tutta l’area delle 5 Vie andrebbe riqualificata creando un percorso pedonale e portandovi attività di commercio.

    Si tratta di una zona ad altissimo potenziale turistico sconosciuta sia ai forestieri che ai Milanesi.

      1. Anonimo

        Col limite che poi devi passare dalla Commissione Paesaggio e dalla Soprintendenza per l’approvazione, quindi devi pescare tra uno (noto o meno noto) che sia comunque “del giro”. Non è strettamente obbligatorio (perchè non siamo nella repubblica delle banane), ma aiuta di sicuro 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.