"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Cristoforo – Torri Richard Ginori: aggiornamento dicembre 2019

Un aggiornamento dal cantiere delle Torri Richard in via Giulio Richard a San Cristoforo.

Come abbiamo visto, gli spazi abbandonati qualche anno fa dalla Nestlé che si è trasferita nei nuovi uffici ad Assago, i capannoni a shed e le torri ligresti, saranno la nuova cittadella del colosso della pubblicità e delle pubbliche relazioni, WPP.

Come si vede, l’unica torre in fase di riqualificazione (chissà quando partiranno le altre?)è ancora impacchettata, ma inizia anche a intravedersi una piccola porzione di rivestimento.

Si chiamerà WPP Village, ea partire dalla prossima primavera, inizierà il trasloco di tutte le 65 società nel rinnovato complesso, destinato ad accogliere tutti i 2.300 professionisti della multinazionale leader nei servizi per il marketing e la comunicazione. I lavori di recupero urbano e di sviluppo degli spazi sono firmati dallo studio di architettura britannico BDG, che ha curato lavori di tutti i Campus WPP già realizzati a New York e Shangaii e quelli di Londra, Madrid ed Amsterdam di prossima apertura.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Milano | San Cristoforo – Torri Richard Ginori: aggiornamento dicembre 2019

    1. Anonimo

      Menomale, dato che al momento la zona e’ servita esclusivamente dal tram 2 che porta 200 persone con una frequenza media di 20 minuti nelle ore di punta… 2300 persone in piu’ sarebbe il collasso.

      1. Anonimo

        Il 2 nel tratto Negrelli – M2 Porta Genova è tragico: Sabato e Domenica pomeriggio non si riusciva a salire dalla gente che c’era. Se ATM ha un cuore, può per pietà rivedere gli orari festivi dei mezzi? Non siamo più negli anni 80 quando si andava al cinema in centro con la macchina! Grazie.

  1. Anonimo

    senza incrementare le frequenze e la capienza di tram e autobus già oltre il collasso e senza metropolitana sulla lodovico il moro dissestata congestionata
    oberata e disfatta sarà sicuramente un successo

  2. Anonimo

    senza incrementare le frequenze e la capacità di tram e autobus sulla lodovico
    il moro oberata dissestata intasata e distrutta e senza metropolitana sarà sicuramente un successo

  3. Anonimo

    senza incrementare le frequenze e capacità di tram e bus sulla lodovico il moro dissestata oberata intasata una delle peggiori di milano sarà sicuramente un successo

    1. Anonimo

      Lavoro in una delle altre torri, la B, per ora non siamo a conoscenza di nessuna ristrutturazione e quindi di cambio ufficio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.