"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Lodovica – Cantiere di Via Giovenale 16: fine gennaio 2020

Demolito completamente il vecchio complesso industriale di via Giovenale angolo via Col Moschin, a Porta Lodovica e a due passi dall’Università Bocconi.

Qui sorgerà un nuovo Studentato legato alla Bocconi, un palazzo a torre di 13 piani su progetto di Calzoni Architetti in collaborazione con lo studio Carmody Groarke.

Nuove immagini (scattate da Valter Repossi) che mostrano la demolizione completata.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Porta Lodovica – Cantiere di Via Giovenale 16: fine gennaio 2020

  1. Sab

    Sono andata a vedermi il progetto dello studentato che sorgerà in quest’area. È davvero bruttissimo, pesante e anonimo. Ho provato a cercare altre informazioni (sperando che magari fosse stato nel frattempo modificato) e ho trovato invece un articolo dove si affermava che l’architetto firmatario del progetto faceva parte della Commissione Paesaggistica che ha dato l’ok ai lavori. L’articolo diceva che si è astenuto dal votare, ma mi sembra comunque assurdo che (se vera questa notizia), facesse parte della commissione. Ma è possibile? E come hanno fatto a far passare un progetto così? Non riesco a rassegnarmi 🤔

    1. Anonimo

      La Commissione per il Paesaggio è un organo consultivo, ossia esprime pareri obbligatori ma non vincolanti.

      Le delibere le fa il Comune, organo democraticamente eletto che risponde ai cittadini.

      In realtà non è affatto così semplice, ma non darei lo stesso tutte le colpe sempre e solo a una Commissione che – essendo composta da Architetti – un minimo di sospetto conflitto di interessi ce l’ha automaticamente… che dovrebbero fare? Una volta eletti smettere di lavorare per sempre e cambiare mestiere o affidare lo Studio ad un Blind Trust? 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.