"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Venezia – Morto l’acero di via Melzo: sarà sostituito

L’acero campestre che ombreggiava un lato di via Melzo da diverso tempo, nel punto dove forma una piccola piazzetta (che potrebbe ottenere anche una dedica), è stato inserito nella categoria D tra le piante ammalorate ed è stato tagliato perché diventato pericoloso. Infatti l’interno era diventato cavo alla base col rischio di un possibile crollo, con pericolo per l’incolumità dei passanti.

La pianta d’acero condivideva la piccola piazzetta triangolare, nel quartiere di Porta Venezia, con una magnolia bella rigogliosa di circa 25 anni, posta proprio davanti alla deliziosa palazzina liberty della Biblioteca di quartiere.

Ora il Comune si affretterà a trovare il sostituito, saranno fatte le dovute valutazioni tecniche per capire con che tipologia di albero sostituirlo (Probabilmente con un’altra specie più resiste).

Qui di seguito altre immagini dell’albero.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


6 thoughts on “Milano | Porta Venezia – Morto l’acero di via Melzo: sarà sostituito

  1. Wf

    Gia che ci sono possono spostare la grande aiula più al cnetro della asola del marciapiede.

    Sarebbe più bello ed elegante e farebbe più impatto.

  2. Anonimo

    Quell’albero era probabilmente cresciuto spontaneamente…troppo vicino agli edifici…speriamo lo ripiantino alla giusta distanza dagli stessi….

  3. Camillo

    Sicuramente era troppo vicino alle case.

    Qualche eventuale novità per l’estensione della riqualificazione della zona in questione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.