"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Al confine tra le zone più “in” del momento, il degrado

Porta Nuova sfavillante, dove tutto sembra funzionare alla perfezione, dove la BAM, la Biblioteca degli Alberi è impeccabile, così come Piazza Gae Aulenti e le Varesine ha un confine.

Infatti il quartiere di Porta Nuova confina soprattutto con il vecchio Centro Direzionale, oramai passato di moda e bisognoso di attenzione.

Nel Centro Direzionale si trovano anche le vie Fare, Cornalia, Adda e Filzi, composte ancora da vecchie case d’epoca (1895-1920), alcune malconce e altre sfavillanti di nuova vita. Naturalmente ci troviamo anche a due passi dalla Stazione Centrale, area alquanto complicata.

Nell’area del Centro Direzionale ci sono troppi cantieri ancora in attesa di sviluppo e troppe aree abbandonate (Pirelli 35, Pirelli 39, piazza Einaudi 8, Via Cornalia 6, via Vittor Pisani e il parcheggio di via Adda), che fungono da luogo d’attrazione per perditempo e senzatetto. Così ecco come si sta trasformando l’area che fa da cucitura tra i due quartieri: viale Liberazione, piazza Einaudi e piazza San Gioachimo.

Quindi come è immaginabile, mela sana affiancata a mela marcia, anch’essa lentamente si contamina.

Qui di seguito un po’ di immagini inviateci da nostri lettori e scattate da noi che mostrano alcune situazioni che si ripetono di continuo da lungo tempo.

In piazza Einaudi i palazzi in attesa, Pirelli 39 e 35, forse, andrebbero cintati meglio con cesate di modo da impedire che diventino luoghi per bivacco e abbandono.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


32 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Al confine tra le zone più “in” del momento, il degrado

    1. Anonimo

      Ovvove! Un topo investito mentve vegolavmente attvavevasava sulle stvisce pedonali con il semafovo vevde è pvopvio out. Favei un sevizio al TG1…

      1. Anonimo

        Mamma che scontati, ripetitivi e noiosi che siete… cambiate registro, Petrolini è morato da un bel pezzo.

  1. Si Tav

    Queste sono le meraviglie del governo PD. Non tanto del comune quanto di palazzo Chigi, dove col 18% dei voti e la maggioranza assoluta dei ministri il partito erede dei comunisti fa entrare disgraziati africani senza pensare che non c’è lavoro né ci sono case che possano pagarsi.
    È ovvio, pertanto che queste aiuole finiscano in questo stato.
    Manderei a pulirle con la lingua tutti quei radicalchic del ca**o che non hanno ancora capito che saremo sommersi dalla merda africana e maomettana…

    1. Anonimo

      Cavo Si Tav, compvendo il Suo composto disappunto, almeno salvaguavdino i sovci nostvani che essendo ben educati attvavevsano sulle stvisce pedonali..sovci vevdi tanto cavi alla vegia aveonautica!

    2. Anonimo

      Non si preoccupi, fa schifo anche la Brianza leghista. Fiumi inquinati, discariche abusive, piazze e strade sporche. In Italia la gente ha zero senso civico, se aspetti l’autobus lo devi fare nella sporcizia. Da nord a sud. Qua non centra Lega o PD. Per una volta. Siamo un paese con zero senso civico. E si vede. Un marciapiede pulito entro due ore fa di nuovo schifo. Anche nelle zone di lusso.

      1. Si Tav

        Be’, la differenza di senso civico tra nord, centro e sud è abissale invece.
        Il mio commento non era riferito al senso civico degli elettori di lega o Pd ma al fatto che quest’ultimo partito ha fatto entrare in Italia gente senza poterla alloggiare a far lavorare. E non avendo lavoro, senso civico né qualunque senso di onestà e ordine il risultato è anche questo.
        Il commento sulla Brianza leghista è invece da mentecatti. Forse dovrebbe mettere da parte il suo odio verso i leghisti brianzoli e andare a fare un giro approfondito nelle realtà a sud di Orbetello.
        Mi rendo conto che chiedere a uno che fa un commento così, caro anonimo delle 19.36 , di aprire gli occhi è come chiedere a un vegano di cucinarti l’anatra all’arancia

        1. Anonimo

          Si tratta di panchina posata con grossa idiozia nel prato…grosso errore progettuale da pivelli…..fine della storia

    3. Anonimo

      Ma ci credete veramente a ‘ste cagate o vi pagano per scriverle?

      E non so quale delle due sarebbe più deprimente…

    4. Anonimo

      Si tratta di panchina posata con grossa idiozia nel prato…grosso errore progettuale da pivelli…..fine della storia

  2. Anonimo

    Welcome in Italy. Paese delle multe mai applicate e paese senza senso civico. Bisogna solo vedere quanta gente anche benestante sporca con i mozziconi. In teoria la multa sarebbe 300€, ma non viene applicata. Risultato: l’Italia. Un paese nella schifezza. Da nord a sud.

    1. Si Tav

      Da nord a sud un cazxo: vada a vedere il luridume del centro e del sud.
      Vada a vedere roma o napoli tanto x dire 2 città a caso. Quelli non hanno nemmeno le discariche.
      In quanto a pulizia Milano deve migliorare ma è comunque nella media europea.
      Certo che finché permettiamo i bivacchi degli africani o dei romeni non si migliora

      1. Anonimo

        Non è nella media europea. Forse in pieno centro. Ma Berlino, Vienna, Londra e compagnia sono molto più puliti. E la gente ha un minimo senso civico.

        1. Anonimo

          Ma anche Madrid o Barcellona. L’unica città europea (si fa per dire) che per sciatteria si può paragonare a Milano e le grandi città italiane in generale è Atene.

          1. Anonimo

            Concordo. Milano è molto sporca e la gente ha zero senso civico. Peccato.

        2. Si Tav

          Per fare una media non devi portare le eccellenze ma varie città.
          Parigi Lione, madrid, Barcellona, Amsterdam…
          E milano è mediamente pulita. O mediamente sporca se ti fa più contento.
          Non puoi negarlo, cazxo. E sul senso civico siamo in mezzo tra roma e Francoforte. Napoli e il sud non li considero nemmeno visto che non sono in Europa. In realtà faccio già fatica a considerare eur”opea anche Roma, che come diceva Goethe “andando verso sud è il primo punto dell’africa. Viaggiando verso nord è il primo punto d’Europa”

          1. Anonimo

            Poveretto tu e Goethe…generalizzare e’ molto da persone limitate…viaggia nel sud , a Roma e capirai dove la bellezza e’ nata….poi a non saper gestire e valorizzare siamo un disastro in italia…non per incapacita’…ma x colpa di corruzione e mancanza di meritocrazia che fanno abbassare il livello di tutto….ah dimenticavo l’Italia e’ TUTTA CORROTTA

          2. Si Tav

            Generalizzare è il succo dei discorsi di chi parla di una cosa con ampi orizzonti. Andare nello specifico è indice di limitazione mentale. Infatti parli di cose che nulla hanno a che vedere con il tema in questione. Io ho detto 2 cose attinenti, tu un elenco di temi che non c’entrano una cippa.
            Tema 1: Milano è mediamente pulita e ordinata. Tema 2: lo sporco e il disordine (che non mancano) sono frutto sia dell’invasione di meridionali (che poi si sono adeguati) sia dell’invasione maomettana e africana.
            Che cazxo c’è da aggiungere o togliere? E così.
            Sicuramente lo sconcio di Roma e del sud – sia come raccolta di rifiuti sia come senso civico- non sono paragonabili con Milano e la Lombardia. Del resto basta vedere le classifiche sulla qualità della vita per capirlo.
            E basta non essere meridionali e ottusi per capirlo. Non è difficile, anonimo delle 10.21. Prova: vedrai che ci arrivi

          3. _

            Sbagliato generalizzare e l’Italia è tutta bella, ma anche Stendhal la pensava come molti di noi: quando l’han spedito a fare il Console a Roma è stato il peggior periodo della sua vita e non sognava altro che tornarsene a Milano….

      2. Anonimo

        Taormina sembra Zurigo. Salerno è più pulita e più ordinata di Milano. Le città pugliesi in generale sono pulite.

        “Il Sud” non è un blocco unico, così come non lo è “il Nord”: in generale, le città medie venete ed emiliane sono molto più ordinate di quelle lombarde o piemontesi.

        Mi sa che il provincialotto che non va mai oltre Cinisello Balsamo sei tu, ed è per questo che puoi profferire senza arrossire autentiche amenità come sostenere che a Milano l’ordine e la pulizia siano “nella media europea”.

        Buahuahuah che ridere.

        1. Anonimo

          Il nord è tenuto mediamente meglio del sud ed in media le città piccole e medie son tenute meglio di quelle grandi.
          Sintetico, senza risate in faccia e offese per chi anziché vivere nella scintillante Milano, abita a Cinisello.

        2. Andy

          Salerno più ordinata di Milano? Questa le batte tute. Batte person ole minchiate he scrive Wf. Le sue sono solo sparate di un fuori di cotenna. Questa, signor anonimo dell’ora di pranzo, è una pagliacciata ad minchiam degna di un meridionale che vive al nord e che non digerisce il fatto che il nord cresca e il sud arranchi.

        3. Si Tav

          Forse lei, anonimo delle 12.14, ha qualche problemuccio con Milano e la Lombardia che sotto sotto invidia perché sono come il suo sud di cui è originario non saranno mai.
          Infatti, posto che paragonare un’area urbana da 4 o 5 milioni di abitanti con l’area Salernitana è come paragonare le cosce di Eva Mendes con le tue, è palese la differenza. Dove milano ha un sistema di pulizia eccellente, basato anche sulla stessa cittadinanza che pulisce i marciapiedi . E dove il senso civico proviene da influenze mitteleuropee. Mentre Salerno non ha quasi un sistema di smaltimento e dove si sente l’influenza borbonica e araba.
          Quindi, se vuol dire altre minchiate cosi me lo dica in anticipo così almeno vado in bagno a mingere per evitare di farmela addosso dal ridere.
          Mi sa che lei sia un terrone che vive al nord e che magari lavora in un ente pubblico grazie alla raccomandazione dell’amico dell’amico

  3. Anonimo

    Consiglio anche una bella passeggiata lungo via Melchiorre Gioia, un autentico catalogo di tutto ciò che non va nell’arredo urbano milanese.

  4. Anonimo

    Comunque le panchine puazzate nel prato sono una gran bouata…errore progettuale da pivelli…magari pagati e celebrati pef bene….il resto e’ cattiva gestione

  5. Anonimo

    Si tratta di panchina posata con grossa idiozia nel prato…grosso errore progettuale da pivelli…..fine della storia

  6. Andrea Pedretti

    Per non parlare dell’incrocio liberazione/gioia, un cantiere infinito totalmente no sense per quanto riguarda pedoni e ciclisti: non si capisce quali siano i percorsi per gli uni e per gli altri, con la ciclabile che va verso nord fatta ma non utilizzabile a distanza di mesi.

  7. Anonimo

    Poveretto tu e Goethe…generalizzare e’ molto da persone limitate…viaggia nel sud , a Roma e capirai dove la bellezza e’ nata….poi a non saper gestire e valorizzare siamo un disastro in italia…non per incapacita’…ma x colpa di corruzione e mancanza di meritocrazia che fanno abbassare il livello di tutto….ah dimenticavo l’Italia e’ TUTTA CORROTTA

    1. Anonimo

      Visto che tutte le volte che si parla del sud bisogna andare a rivangare storie e nostalgie di 20 secoli fa…per essere precisi la bellezza è nata in Grecia…

      1. Anonimo

        si appunto vai nel Sud Italia e troverai testimonianze della Magna Grecia….vai in Sicilia, Metaponto, Paestum, Siracusa……la corruzione e`un problema nazionale….al sud piu`esasperato naturalmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.