"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Garibaldi – Riqualificazione via Capelli: aperta al passaggio

Ultimato a metà febbraio, il nuovo arredo urbano di via Capelli a Porta Garibaldi, la via-rampa, che permette il collegamento di Corso Como con Piazza Gae Aulenti, in questi giorni è stata aperta al passaggio dei cittadini.

Il progetto voluto dallo stilista, fondatore e azionista di Diesel e altri marchi di moda, Renzo Rosso, e finanziato dalla stessa società (il Comune non ha versato un centesimo), ha previsto una totale riqualificazione della via Capelli (aperta nel 2012), soprattutto con un ampliamento degli spazi di sosta pedonali e fioriere.

Pietra scura (nera) per le fioriere, sedute, balaustre e in acciaio con inserti in legno, rendono la via più elegante e più bella.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


3 thoughts on “Milano | Porta Garibaldi – Riqualificazione via Capelli: aperta al passaggio

  1. Yoghi

    Molto bella ma altrettanto sicura?
    Vi sono punti ai lati ove vi sono dislivelli con gradini che possono essere potenzialmente causa di cadute perché vengono affrontati non nel senso di marcia ma di traverso….vedere X credere

  2. Elius

    Il progetto era sbagliato e rimane sbagliato. La gente preferirà sempre una rampa ai gradini perché pensa di fare meno fatica e non si fermerà ai negozi.

  3. BOh

    Non si vede una gran differenza. Non si capisce nemmeno a cosa servono le balaustre tra le piante e la strada. E le fioriere sembrano oscurare i negozi. Per fortuna ci ha lavorato un architetto ed è stato pagato da chi possiede i negozi. Non ci vedo niente di bello né di migliorato. Boh…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.