"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Magenta – Via Vincenzo Monti, fermate ATM: marzo 2020

Come abbiamo già visto, tra le vie dove sono in corso i lavori per l’adeguamento delle fermate ATM vi è anche via Vincenzo Monti nel quartiere di Porta Magenta.

Siamo partiti questa volta da piazza Virgilio, dove troviamo la prima fermata di via Vincenzo Monti appena completata. Così come la “sorella” sul lato opposto.

L’arredo urbano, tutto sommato, non è male, ma come al solito si sistemano solo i pezzi di competenza, così l’acciottolato tra le piante è stato sistemato solo vicino all’intervento, lasciando il resto, sconnesso e rabberciato alla bell’e meglio.

Altre fermate completate è quella nei pressi di via XX Settembre. Abbiamo notato che per segnalare la lingua di marciapiede aggiunto per proteggere la nuova fermata, sono stati sistemati ben 3 pali segnaletici, non ne bastava uno solo?

Ultima fermata che vi mostriamo è quella posta poco prima di largo V Alpini.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Porta Magenta – Via Vincenzo Monti, fermate ATM: marzo 2020

  1. lisander

    bene la riqualificazione delle fermate, ma se poi facciamo transitare la carrelli (tram 19) è tutto inutile, visto e considerato che su questi tram occorre issarsi a bordo!Forse atm ha in previsione l’introduzione di vetture a pianale ribassato su questa linea (Stadler in arrivo), perché diversamente è un intervento inutile;

  2. Anonimo

    Poveri via Vincenzo Monti e tutto il quartiere Magenta. Un gioiellino della città abbandonato a se stesso invece di essere valorizzato nonostante il quartiere raccolga in se molte delle più prestigiose opere d’arte e culturali della città che ogni giorno sono visitate da migliaia di turisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.