"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano Quadrilatero – Quel brutto marciapiede davanti ad Armani

Per carità, ci sono sempre altri problemi, ben più gravi, soprattutto ora che viviamo questa pandemia devastante sulla quale ancora non possiamo dare una fine, ma questo era un pensiero che ci aveva attanagliato già da diverso tempo, da quando Armani, nel 2012, aveva aperto il suo nuovo Hotel e flagship store di via Manzoni, nel Quadrilatero delal Moda a due passi da Porta Nuova.

L’edificio venne progettato originariamente da Enrico A. Griffini nel 1937 e si contraddistingue per uno stile razionale austero dove Armani ha voluto portare il suo tocco unico, fondendo sapientemente eleganza minimalista e moderna funzionalità. Peccato che, secondo noi, in tutti questi anni il gruppo Armani e il Comune non abbiano sistemato e dato una certa dignità al marciapiede, prospiciente anche la bella chiesa di San Francesco di Paola.

Come si vede, i marciapiedi sono rimasti in asfalto, alternato a masselli sistemati solo in via Croce Rossa.

Magari, dopo quest’emergenza globale dovuta al Coronavirus, potrebbe esser l’occasione per coprire in pietra il marciapiede, almeno nella parte competente l’hotel internazionale.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano Quadrilatero – Quel brutto marciapiede davanti ad Armani

  1. Anonimo

    Credo che Armani possa propore e finanziare il miglioramento anche se si tratta di spazio pubblico. Il comune dovrebbe agevolare, proporre i miglioramenti qualitativi dello spazio pubblico ai privati…in questo caso milanesi,Armani e citta’ ne guadagnerebbero….se il comune si dotasse di piano alfredo urbano e abaco di particolari costruttivi in zone di pregio e non…si andrebbe spediti….

  2. wonty

    perchè Armani voleva levare via il monumento di gradoni …..

    Si è scatenato il solito dibattito di pro e contro e alla fine non se ne è fatto nulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.