"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Un murale per il Campari Soda

Da alcuni giorni campeggia sul fianco settentrionale del palazzo di via Melchiorre Gioia 1 (palazzo realizzato nel 1952 dal grande architetto Pietro Lingeri), uno sfavillante murale pubblicitario e commemorativo. Celebra il famoso Campari Soda nato nel 1932 con l’inconfondibile bottiglietta disegnata da Fortunato Depero e famoso in tutto il mondo. Per essere completato mancano ancora alcuni particolari.

Foto di Andrea Cherchi.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


12 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Un murale per il Campari Soda

      1. Anonimo

        sarò rozzo, ma francamente non ne vedo i pregi altissimi dichiarati. In che cosa sbaglio (dico sinceramente, se qualcuno me lo spiega sono felice di imparare)

  1. V.

    Se fosse stato un cartellone pubblicitario era una pubblicità.

    Visto però che è dipinto anzichè stampato, diventa un “murale” e quindi una specie di opera d’arte.

    La capacità del marketing di abbindolare la gente non finirà mai di stupirmi.

    1. George Smith Colombo

      No, proprio no.
      Rimane una pubblicità disegnata, non associabile alla street art.
      Esattamente come la schifezza di Gucci in Moscova, ridicolo tentativo di rendere la pubblicità meno invasiva.

      Street art e pubblicità sono due estremi opposti, queste pubblicità disegnate saranno anche più piacevoli dei soliti cartelloni noiosissimi, ma rimangono comunque mai classificabili come arte.

  2. Anonimo

    Il palazzo e’ bello…quello che fanno oggi e’ una sua versione con vetri e specchi….forse meritava un ” murales” piu’ sobrio…comunque ben fatto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.