"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Siro – Al via la riqualificazione delle Scuderie de Montel

Poche settimane fa, a fine settembre, il Comune ha firmato il contratto preliminare di vendita con la società che svilupperà il progetto di riqualificazione delle ex Scuderie de Montel a San Siro, dello Studio Marzorati Architettura, S+J srl vincitore di Reinventing cities, il bando internazionale lanciato da Milano insieme alla rete di città green <C40> per rigenerare siti abbandonati e degradati

L’offerta è stata di 1,2 milioni di euro su una base d’asta fissata a 1 milione 183.500 euro. Il progetto prevede la conservazione dei vecchi e originali edifici delle scuderie, complesso in stile Liberty costruito dal banchiere ebreo Giuseppe De Montel nello stile chateaux francese in voga soprattutto nel primo Novecento, e realizzate tra il 1915 e il 1917-18 all’angolo tra via Achille e via Fetonte, accanto allo stadio Meazza di San Siro. Via libera anche da parte della Sovrintendenza, visto che l’edificio in rovine è sotto vincolo monumentale.

Verranno restaurate e riportate, in buona parte, allo splendore originario, diventando le nuove terme di Milano. Usufruiranno anche dell’“acqua marcia” che scorre ancora sotto la città e che alimentava la storica fontana vicina all’Arena al Parco Sempione. Un’acqua caratterizzata da un elevato contenuto di solfuri che verrà emunta a 250 metri di profondità (e poi riscaldata) grazie a un pozzo già esistente profondo 350 metri.

All’interno, dopo la biglietteria, tutto quello che ci si aspetta di trovare in un complesso termale: vasche, idromassaggi, hammam, solarium, area beauty. All’esterno quattro vasche termali. Al primo piano ci sarà una ampia area relax mentre il secondo ospiterà aule e sale meeting a disposizione delle associazioni di quartiere per dibattiti e convegni. 

Una volta completato sarà uno dei più grandi centri termali all’interno di una grande città.

L’accesso al complesso avverrà da via Achille attraverso un’area verde a uso pubblico. Dalla parte opposta dell’ingresso, oltre le palazzine, si accederà ad un ampio spazio verde ad anfiteatro, circondato da un boschetto nel quale sarà possibile immergersi tutto l’anno in vasche di acqua calda e fredda. Sul giardino dell’anfiteatro si aprirà l’area ristorazione dove si potranno mangiare piatti cucinati con prodotti a chilometro zero coltivati nell’orto pertinenziale. Il centro sarà aperto tutto l’anno e ci saranno tariffe scontate per le fasce deboli, ma anche per le scolaresche. Così come sono previsti sconti per i residenti over 70 e una riduzione del 50 per cento per le persone con disabilità severe e per i loro accompagnatori. A capo del team ci sono i promotori immobiliari italo-svizzeri di Vicom srl e Valentino Tomasoni, esperto del settore termale e già fondatore di AcquaWord e Monticello Spa.

Un coraggioso intervento che guarda al futuro, in questo periodo di pandemia e distanziamento sociale.

Come ha detto l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran: “Sarà uno dei luoghi più sorprendenti della Milano dei prossimi anni. Abbiamo fatto Reinventing cities perché Milano ha bisogno di progetti che fanno brillare gli occhi e questo lo è decisamente.”




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Milano | San Siro – Al via la riqualificazione delle Scuderie de Montel

  1. Casu

    Speriamo che sia riqualificato, questo progetto potrebbe essere molto utile per la città !
    Ora come ora lasciarlo così decadente non conviene sia hai residenti che alla città

  2. Wf

    Il gestore è lo stesso di monticello spa che sono delle terme fighissime..

    Colpaccio del comune per un rudere che stava scomparendo

    Ottimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.