"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Affori – Cantiere edilizia sociale in Via E.T.Moneta: completato, ottobre 2020

Aggiornamento fotografico dal cantiere di edilizia sociale di via Ernesto Teodoro Moneta ad Affori. 

Il complesso sorto al posto di vecchi capannoni industriali è stato completato e i primi inquilini hanno cominciato ad animare le quattro torri di 13 piani e le due stecche di 5 piani.

Anche il giardino interno è stato completato, o quasi, così come l’area antistante il complesso.

Al contrario l’area a verde che si collegherà col vicino parco di Villa Litta e che costeggerà la ferrovia, deve essere ancora sistemata.

Via Ernesto Teodoro Moneta nel frattempo è stata completamente riqualificata con nuovi marciapiedi dotati di nuove discese per consentire un migliore accesso a carrozzine e a chi ha difficoltà deambulatorie. Speravamo vivamente nell’allestimento di dissuasori per impedire il parcheggio dei soliti furbetti (già presenti).

MONETA Milano:

  • COMMITTENTE:

Redo Sgr Spa – Società Benefit

  • PROGETTISTI:

PROGETTO ARCHITETTONICO

Beretta Associati

MAB Arquitectura

  • DIREZIONE ARTISTICA

Beretta Associati

MAB Arquitectura

  • COORDINAMENTO E PROGETTAZIONE ESECUTIVA

Mpartner S.r.l.

  • SICUREZZA E DIREZIONE LAVORI

Mpartner S.r.l.

  • IMPRESE:

ATI: Borio Mangiarotti SpA e Botta SpA




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Affori – Cantiere edilizia sociale in Via E.T.Moneta: completato, ottobre 2020

  1. Anonimo

    ma come è possibile che sia tollerato quel tipo di parcheggio? si costringono i pedoni a finire in strada, magari con carrozzelle e carrozzine, in un tratto di scorrimento. ganasce? rimozione? come si fa nei Paesi civili a fare in modo che i vigili urbani lavorino? tra l’altro sarebbero ottimi incassi per il comune, con tutti gli incivili che ci sono a Milano

  2. Anonimo

    Anche io a favore delle ganasce. Perché se dai la multa, spesso non viene pagata.

    Concordo anche sul fatto che a Milano la Polizia Municipale è poco efficace e poco efficiente (anche nella mai zona i paechegfi sui marciapiedi o in doppia fila sono troppo spesso tollerati)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.