"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Guastalla – Si riqualifica lo spiazzo sul retro di Palazzo di Giustizia

Il degrado e la sciatteria attorno a Palazzo di Giustizia non ha eguali in città, come abbiamo più volte sottolineato. Un quartiere così centrale ma di fatto lasciato nella totale indifferenza e sciatteria da sempre.

Finalmente con ogni probabilità siamo ad una svolta, infatti dopo che il nuovo edificio per il Tribunale del Lavoro di via Pace angolo via San Barnaba è stato completato (dopo anni di lavori), a breve verrà riqualificata l’area di via San Barnaba antistante il retro del grande palazzo di Giustizia.

Da anni (con ogni probabilità sin dal 1970) l’area è utilizzata come parcheggio, protetta da transenne metalliche temporanee che son lì però da così tanto tempo che sono invecchiate col passare degli anni.

Da qualche giorno infatti, sono sopraggiunte le piastrelle che serviranno per la sistemazione dell’area. Ancora non siamo riusciti ad avere immagini o sapere esattamente cosa sarà realizzato, speriamo in qualcosa di decente.

Referenze fotografiche: Roberto Arsuffi

Tag: Guastalla, Porta Vittoria, Tribunale, Via San Barnaba, Arredo Urbano,

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


14 thoughts on “Milano | Guastalla – Si riqualifica lo spiazzo sul retro di Palazzo di Giustizia

  1. Leonardo

    Ho poche speranze, vedremo… dubito che le caste di burocrati, magistrati e avvocati siano interessati a rimuovere i parcheggi ammassati a favore di una piazzetta ordinata e vivibile.

  2. paomi

    Concordo con il pensiero del Sig. Leonardo. Però aggiungo che il Comune (e credo non solo quello di Milano) ha onere di intervento ed occuparsi di scuole, chiese, teatri e del palazzo di giustizia. Queste strutture, se fossero mantenute dai rispettivi Enti / Istituzioni (Ministeri, Curia, Vaticano, ecc) non sarebbero un “peso” nelle tasche del Comune (e dei cittadini contribuenti) e vi sarebbero più denari per la città.

  3. Und Tschüß!

    Secondo me si fa prima a individuare un angolo che abbia le parvenze di una città europea.. sempre che si riesca a trovare! 😀
    Il disordine è talmente diffuso che non lo nota più nessuno perché… va bene così.

  4. Anonimo

    Qualcuno parlava di spostare il tribunale altrove. Impossibile visto gli interessi delle potentissime lobby legate al mondo del Palazzo di Giustizia.

    Vediamo se un’operazione su scala molto più ridotta di rinnovamento dell’angolo più deprimente di Milano, riuscirà a vincere le barricate degli interessi di questa cricca. Fortissimi dubbi a riguardo.

    Sempre impossibile, ma anche giudici ed avvocati potrebbero andare a lavorare in bici o tram, invece di dover avocare a sé metri quadrati di suolo pubblico

    1. Est71

      nè giudici nè tanto meno avvocati parcheggiano in quello spazio. Quasi sempre si tratta di Forze dell’Ordine tra cui anche quelle incaricate di sorvegliare un luogo sensibile.
      Gli avvocati tra l’altro in virtù della prevalente vicinanza dei loro uffici al Palazzo di Giustizia si muovono spesso su due ruote.

  5. Wf

    Un buco nero in pieno centro.

    Che blocca ogni possibilità di ripresa di questa zona del centro di Milano

    Un ostacolo alla rinascita del centro

  6. Anonimo

    Vendiamo ai cinesi. Almeno ci fanno un ipermercato aperto h24 e ti riportano vita è movida in centro. Gli avvocati potevano traslocare a Rho Pero .

  7. Albe

    Angolo terrificante di cui evidentemente non è mai fregato niente a nessuno (non ci sono neanche locali). Piantassero due alberi oltre a regolarizzare i parcheggi andrebbero oltre ogni più rosea aspettativa.
    Avendo la bacchetta magica ci starebbe una stazione di ricarica auto elettriche con molti stalli ed un filare di alberi.
    Perché i principi del foro saranno gli ultimi ad abbandonare le auto ma sono probabilmente stati i primi a prendere le Tesla

  8. elle

    a chi parla di avvocati, segnalo che le aree transennate non sono destinate a parcheggio per gli avvocati. gli avvocati non possono neanche parcheggiare all’interno del palazzo nè hanno posti riservati da qualche altra parte. i pochi – folli – che vanno in auto in tribunale parcheggiano come tutti nei parcheggi a pagamento in zona, san barnaba in primis.
    giusto per chiarire

    1. Anonimo

      La zona sarebbe interessante e con grande potenziale. È il retrobottega del palazzo di giustizia che ricorda i parcheggi a Krasnodar…

      Pur non essendo riservati agli avvocati, è probabile che lo spiazzo sia utilizzato da persone che frequentano ill tribunale, magari non avvocati, ma forse giudici, imputati, testimoni, dattilografi, forze dell’ordine, giornalisti di cronaca giudiziaria…

  9. BT

    ahahahahhaha togliere i parcheggi ai dipendenti PUBBLICI!!

    magistrati, cancellieri, ufficiali giudiziari e forze dell’ordine NON tollerano di NON poter parcheggiare di fianco al luogo di – si fa per dire – lavoro.

  10. Anonimo

    Dire che è uno dei luoghi più brutti di Milano dove in realtà ci sono vie come Via Fontana, Via Podgora, Via Besana, il parco Guastalla, la sinagoga…bah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.