"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Guastalla – Nuovo muro di cinta per il Tribunale del Lavoro di via Pace

L’astronave di via Pace (Guastalla), l’edificio del Tribunale di Milano Sezione Lavoro, Famiglia e Tutele, progettato nei primi anni Duemila e costruito tra il 2011 e il 2016, dal 2017 è, sebbene operativo, un piccolo cantiere, dove si è provveduto a completare le opere di rifinitura. Il progetto (2006-2007) è dello studio dell’Architetto Carmelo Maugeri.

In questi anni si sono completato gli spazi interni, compresa la biblioteca. Da qualche mese è in fase di completamento anche il muro di cinta lungo via Pace e col vicino edificio che ospita varie funzioni (una Scuola Paritaria dell’infanzia e primaria e un Centro di Formazione -ex Provincia di Milano-).

Il muro di cinta probabilmente vuole prendere ispirazione dai resti dell’edificio demolito negli anni Cinquanta posto all’angolo tra le via Pace e San Barnaba. Resti di edificio che ancora non ci spieghiamo perché non sono così antichi, ma probabilmente appartenuti ad una casa di fine Ottocento. Il muro è realizzato in mattoni pieni formato da tanti pilastrini affiancati.

Una nota a parte, che nulla a che vedere col muro, ma con l’inciviltà degli utilizzatori dei mezzi in sharing, che lasciano i mezzi parcheggiati in mezzo al marciapiedi, impedendo il passaggio ai pedoni, o rendendolo difficoltoso.

via Pace, Guastalla, Tribunale di Milano Sezione Lavoro Famiglia e Tutele, Architetto Carmelo Maugeri, via San Barnaba, Porta Vittoria

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


7 thoughts on “Milano | Guastalla – Nuovo muro di cinta per il Tribunale del Lavoro di via Pace

    1. Anonimo

      Ho pensato la stessa cosa.

      che peccato che non sembri fregarne niente a nessuno, comprese le istituzioni.

      Ho vissuto per diversi anni a Boston e se per caso qualcuno si trovava la casa scarabocchiata, si precipitava a pulirla. Anche perché se non lo facevi erano i vicini stessi che dopo un paio di giorni ti chiedevano di farlo.

      In Italia invece, in questa come in tante altre cose, non esiste la sanzione sociale.

      1. Precottino

        Sembra che la colpa sia di chi risiede nel palazzo e non dei tipi che scarabocchiano…

        Senza andare a bbboston, in centro a Padova la notte passano gli imbianchini del comune che riverniciano sopra le scritte (con dei colori il più possibile vicini a quelli dei palazzi).

        1. Anonimo

          Una domanda sull’approccio padovano: funziona nel disincentivare gli idioti (che trovano le loro opere cancellate subito dopo averle fatte) o li stimola in un giochino a guardie e ladri?

          La mancanza di rispetto verso le proprietà altrui sia come singoli cittadini che come collettività andrebbe sanzionata con presidi appropriati ed interventi della forza pubblica. Dai tag al parcheggio selvaggio, dal fumo dove non consentito alla spazzatura per strada. Non ci dovrebbe essere alcuna tolleranza

          1. Precottino

            Premesso che Padova aveva un “problema graffiti” più moderato rispetto a quello milanese, per mia esperienza personale, da quando si è iniziato a coprire, i graffiti sono radicalmente diminuiti. Mi ricordo che nei primi mesi, camminando per la mia via, vedevo di giorno in giorno nuove “macchie” di vernice che avevano coperto nuovi graffiti, ma col tempo le “macchie” han smesso di aumentare. Sono tornato a Padova dopo 3 anni questo ottobre e nella strada in cui abitavo c’erano le stesse macchie di 3 anni prima, a indicare che non vi erano stati nuovi graffiti.

            La mia teoria è che i graffiti siano un po’ come la pipi dei cani. Un cane sente la “firma” di un altro cane e ci urina sopra, stessa cosa per le firme dei graffitari. Se non c’è “odore”, il graffitaro “urina” molto di meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.