"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Aggiornamento cantiere Vespucci: settembre 2021

Mentre si completa il nuovo edificio di via Amerigo Vespucci, angolo via Marco Polo e via Joe Colombo nel distretto di Porta Nuova, le residenze Vespucci, progettate da Arasociati, si procede con la sistemazione della parte pedonale rimasta incompleta, di via Vespucci.

Sono state sistemate le aiuole e piantati sei platani, completando la sistemazione realizzata sino all’incrocio con via Marco Polo e rimasta incompleta per via del cantiere e della presenza dei vecchi edifici diroccati qui presenti sino pochi anni fa.

Referenze fotografiche: Roberto Arsuffi

Tag: via Amerigo Vespucci, via Marco Polo, via Joe Colombo, Porta Nuova, residenze Vespucci, Arasociati

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


12 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Aggiornamento cantiere Vespucci: settembre 2021

  1. Anonimo

    No in si capisce perché solo i ricchi debbano avere marciapiedi alberati aiuole moderne e balconi attrezzati a verde . Se il verde è diventato un bene scarso allora laˋˋ ne politica deve provvedere a fare dei piano che annullino le disuguaglianze . Perché il comune non so da da fare in questo senso ? Perché ?! Perché ?

    1. Anonimo

      Scorri un po’ le pagine di questo blog, vedrai che interventi di riqualificazione si fanno anche fuori dal centro (Dergano per esempio, ma anche Rovereto e altre piazze/spazi)

      È vero però che le vie pedonali, i quartieri verdi e senza auto sono automaticamente i più ambiti e i più cari della città.

      Bisognerebbe battersi per una città più verde e più pedonale per tutti. Le auto, che nelle periferie la fanno da padrone, portano solo degrado e asfalto.

    2. Anonimo

      Balconi attrezzati a verde per tutti?

      Cioè? dovremmo prendere la macchina del tempo, tornare negli anni 60 e far rifare i balconi del classico condominio medio milanese in stile Bosco Verticale?

  2. Wf

    A parte che porta nuova era una no mans land e a tratti una periferia peggio messa di tanti quartieri periferici milanesi…

    Comunque molte riqualificazioni sono avvenute anche in periferia. E stanno ancora cambiando.

    Ma poi mettere mano ai guasti di 30 anni di governo di destra che sulle periferie ha fatto zero ci vogliono altri 20 anni di mettersi a lavorare.

    E si stanno dando da fare parecchio.

  3. Anonimo

    Il verde e gli alberi per la cronaca mancano anche in centro città…. L’interno della cerchia dei bastioni è una landa di catrame, cemento, lamiere di automobili che d’estate diventa un forno con immense isole di calore, mentre d’inverno una camera a gas piena di polveri sottili. In parole povere se la periferia piange, il centro della città sicuramente non ride…

    1. Anonimo

      i fenomeni radical chic di urbanfile vorrebbero addirittura riaprire i navigli, giusto per togliere ancora più spazio a possibile verde e aumentare l’umidità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.