"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Calvairate – La città e la memoria: svelata in via Tommei la targa per Carla Fracci

Dopo la dedica di un tram bianco e gli onori del Famedio, il ricordo della stella della danza sull’edificio dove visse all’inizio della sua carriera.

Qui visse dal 1945 al 1959 e mosse i primi passi di danza Carla Fracci tra le più grandi ballerine del ventesimo secolo dai cortili di Calvairate al Teatro Alla Scala fino ai palcoscenici di tutto il mondo“.

Recita così la targa svelata ieri mattina 27 settembre 2021, in via Ugo Tommei 2. Erano presenti i rappresentanti dell’Amministrazione comunale, il marito dell’étoile il Maestro Giuseppe Menegatti e i rappresentanti dell’associazione culturale La Loggia di Calvairate.

Dopo la dedica di un tram bianco della linea 1, la stessa sulla quale lavorava il padre dipendente di ATM, e gli onori del Famedio, il Pantheon cittadino, il Comune di Milano ha raccolto con favore la proposta dell’associazione culturale La loggia di Calvairate. Lo scopo dell’associazione è di ricordare la ballerina scomparsa lo scorso 27 maggio con una targa sull’edificio di via Ugo Tommei 2, dove visse dal 1945 al 1959, proprio negli anni in cui iniziò la sua straordinaria carriera. Carla Fracci cominciò a ballare nel 1946 con l’iscrizione alla scuola di ballo del Teatro alla Scala, dove si sarebbe poi diplomata nel 1954.

La proposta era stata valutata con favore dal Comitato di coordinamento “Milano è memoria”, impegnato per conto dell’Amministrazione a conservare e trasmettere il significato e il valore della memoria.

Referenze fotografiche: Comune di Milano

Calvairate, via Ugo Tommei, Carla Fracci, Targa, Memoria

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.