"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Sant’Ambrogio – Palazzo Cattolica di via Lanzone 14: completato

Conclusi i lavori da qualche mese, l’edificio posto ad angolo tra via Lanzone 14 e via San Pio V nella zona Sant’Ambrogio è stato inaugurato e aperto alle attività. Al suo interno si trovano 450 nuovi posti aula in più in uso per l’ateneo.

Si tratta di un recupero di un vecchio edificio del primo Ottocento e la ricostruzione di quello adiacente, demolito in precedenza e ricostruito.

L’intervento è stato finanziato dall’Università Cattolica e progettato dallo studio Beretta Associati.

L’edificio di via Lanzone 14, una palazzotto in stile neoclassico, durante la seconda Guerra Mondiale venne amputato di una porzione consistente, rimpiazzata da un’ala costruita sul finire degli anni Quaranta. Da diverso tempo di proprietà dell’Università Cattolica, l’immobile rimase disabitato e in apparente abbandono per diversi anni, tanto che venne più volte occupato da comitati studenteschi.

Referenze fotografiche: Roberto Arsuffi, Duepiedisbagliati

Studio Beretta Associati, Via Lanzone, Università Cattolica del Sacro Cuore, Università




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


5 thoughts on “Milano | Sant’Ambrogio – Palazzo Cattolica di via Lanzone 14: completato

  1. N

    brutto, pesante, pocco rispettoso del contesto e sopratutto il non allineamento del tetto…. sarò radicale ma per quanto di riguarda nel centro storico bisognerebbe fare leggi che impediscano l’innesto di queste porcate e cercare di riscoprire le architetture in stile.
    basta brutture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.