"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Loreto – Cantiere di via Scarlatti angolo Buenos Aires: gennaio 2022

Si inizia a spacchettare, dopo tanto tempo, il cantiere che occupa mezzo isolato, per una completa ristrutturazione e trasformazione tra Corso Buenos Aires, via Scarlatti e via Tamagno nel distretto di Loreto.

Lo studio POLA si è occupato di riprogettare, ammodernare e unire tutti e quattro gli edifici proponendo una nuova struttura metallica che avvolge come in una maglia gli edifici.

Il progetto ha visto la fusione di un gruppo di edifici adiacenti di varia epoca e importanza: un palazzo di tre piani di edilizia semplice del primo Novecento di Corso Buenos Aires 51A; il bel palazzo dèco di via Scarlatti 2 che fa angolo con il corso; il palazzo dai decori liberty semplici di via Scarlatti 4; il palazzo d’angolo con via Tamagno 2 in stile tardo eclettismo diviso in due porzioni.

Qui di seguito le prime immagini dello “spacchettamento” in corso. Un risultato che sicuramente non piacerà a molti.

Referenze immagini: Duepiedisbagliati

Loreto, Corso Buenos Aires, via Scarlatti, via Tamagno, Studio Pola, Riqualificazione

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


14 thoughts on “Milano | Loreto – Cantiere di via Scarlatti angolo Buenos Aires: gennaio 2022

  1. Alberto

    Non so se rattristarmi per l’aggressione continua dei nostri palazzi storici o se considerarla una peculiarità interessante, la stratificazione che dopo aver occupato tutti gli spazi orrizzontalmente nel dopoguerra, ora si fa verticale.
    L’unica cosa certa é che preferisco questi interventi additivi che quelli che invece sostituiscono, cancellando per sempre la possibilità anche solo di intuire l’aspetto precedente dell’edificio: facciate dipinte totalmente di nero o di bianco inclusi gli stucchi, recladding pixelati con i pannelli sfalsati, ecc…

    1. Matteo aimini

      Ringraziamo per la lucida analisi che rispecchia l’intento originale del progetto: preservare l’esistente senza “musealizzarlo” inserendo la nuova costruzione, differente per materiale, ma compatibile con gli elementi della preesitenza nell’intento di una doppia valorizzazione.

    1. Matteo aimini

      La condizione dell’isolato prima dell’intervento, se mi posso permettere, era uno scempio. Edifici chiusi ed abbandonati per quasi vent’anni che oltre a risultare compromessi dal punto di vista della qualità edilizia, generavano un assenza importante per il retro “povero” di CBA. Ora quantomeno il retro diventerà un fronte luminoso, poroso e decisamente più accogliente.
      Comunque prima di esprimere giudizi così definitivi suggerisco di attendere che l’intera opera sia portata a compimento, un po’ di pazienza…non manca molto.

    1. Matteo aimini

      Suggerisco di attendere la conclusione del cantiere prima di esprimere giudizi.
      Processi come questo durano almeno un decennio, nel rispetto di chi questo edificio l’ha immaginato, disegnato e realizzato,
      Costruire sul costruito è un tema che non dovrebbe far urlare allo scandalo in quanto la forza delle nostre città risiede anche in questo meccanismo di continua sovrapposizione e rispetto dell’esistente (dove possibile). CI terrei a ricordare che nessuno dei tanto amati edifici liberty, inseriti nella maglia del piano Beruto sono tutelati, tranne alcune eccezioni, i nostri infatti non lo erano ed in questo caso abbiamo compiuto innumerevoli sforzi per cercare di valorizzare sia l’esistente che la nuova costruzione.

  2. Albe

    Il progetto secondo me è originale e valorizzante dell’isolato sia per finiture che per adeguatamento funzionale degli edifici.
    Strano stiano smontando le impalcature con i pannelli ancora largamente incompleti.

    1. Matteo aimini

      I pannelli sulla sommità non sono grigi ma è una lega di rame che con il tempo si ossiderà rendendolo più scuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.