"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Tre Torri – CityLife cantiere CityWave: febbraio 2022

Nuovo aggiornamento dal cantiere per il CityWave (ex Portico, ma chiamato anche”lo Sdraiato”), l’edificio in costruzione nel quartiere di CityLife a Tre Torri.

Progettato dallo studio BIG – Bjarke Ingels Group, CityWave si propone come nuovo paradigma per gli uffici del futuro rispondendo ad una nuova idea di workplace, grazie a soluzioni progettuali innovative che mettono al centro la qualità della vita e ridefiniscono il concetto di sostenibilità. 

L’edificio, diviso in due parti separate da via Anna Maria Ortese. Recentemente abbiamo dato uno sguardo all’area verso il parco e viale Duilio, ora vi mostriamo meglio l’area prossima a viale Boezio.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi

CityLife, Fiera, Tre Torri, viale Duilio, viale Boezio, viale Cassiodoro, viale Berengario, Palazzo delle Scintille, Velodromo Vigorelli, piazza VI Febbraio, BIG-Bjarke

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


5 thoughts on “Milano | Tre Torri – CityLife cantiere CityWave: febbraio 2022

  1. Anonimo

    Chissà quando sarà la volta buona per sistemare viale Boezio lato abitazioni con un marciapiedi talmente stretto che non si riesce neanche a passare con l’ombrello tra i pali inutili (pista ciclabile a fine strada!) mentre ci sono ben SEI corsie per le auto, per non parlare dei binari del tram da terzo mondo che meriterebbero un articolo di UF

  2. Anonimo

    L’edificio sarà anche Platinum super ecologico ecc…. ma cosa dire di tutto il terreno con amianto che stanno manovrando da settimane triturandolo e riempiendo enormi sacchi bianchi senza alcun avviso/precauzione per i cittadini che passano a pochi metri, fanno jogging, portano bambini in carrozzina… La situazione è pericolosa o no? Se no allora perché stoccano tutto il terreno nei sacchi con le indicazioni “amianto”? Se sì allora perché non avvisano o bloccano il passaggio nelle immediate vicinanze?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.