"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Barona Moncucco – Cantiere Arca di via Rimini: marzo 2022

Aggiornamento di metà marzo 2022 dal cantiere di via Rimini 36 nel distretto BaronaMoncucco.

Nei pressi della Cascina Moncucco e a due passi dalla stazione ferroviaria e M2 di Romolo, è stata ormai completata l’astronave battezzata Arca del Gruppo CAP. Si tratta del gestore del servizio idrico integrato dei Comuni della Città metropolitana di Milano.

Il progetto è dello studio Cleaa – Claudio Lucchin & Architetti Associati di Bolzano e dell’ing. Walter Weis per Studio di Ingegneria Bergmeister.

Nel frattempo è stato affisso il cartello che avvisa per i lavori di demolizione del vecchio stabile per uffici che ora occulta il nuovo edificio. L’intervento sarà eseguito dalla società DAF.

Referenze fotografiche: Duepiedisbagliati 

Moncucco, Barona, Gruppo CAP, Torretta, Famagosta, Romolo, viale Cassala, Sudio Cleaa – Claudio Lucchin & Architetti Associati

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


4 thoughts on “Milano | Barona Moncucco – Cantiere Arca di via Rimini: marzo 2022

  1. Aldo

    Uno dei progetti meno sbandierati e più riusciti degli ultimi anni.

    Se poi si guarda a fianco dell’edificio che va a sostituire l’applauso è spontaneo

    1. Cristiano Nava

      abbiamo uno sbalzo di 45 m
      tutto collabora a sostenere lo sbalzo: muri esterni in cemento armato fibrorinforzato, nucleo centrale con calcestruzzi ad alta resistenza, travi in falso ribassate pesantemente armate e post tese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.