"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Vigentina – Palazzo Calchi Taeggi sarà un nuovo polo di servizi civici: ristrutturazione integrale a carico dell’Agenzia delle Dogane

L’ammalorato Palazzo Calchi Taeggi, in corso di Porta Vigentina 15, e non lontano dalla stazione M3 Crocetta, sarà interamente ristrutturato a spese dell’Agenzia delle Dogane e diventerà un nuovo polo di servizi civici: a quelli che vi sono oggi ospitati, una scuola materna, una biblioteca, un Cam e un auditorium, si aggiungeranno la sede del Municipio 1 e altre funzioni pubbliche, culturali e formative, a costo zero per l’Amministrazione che ne è e resterà proprietaria. L’operazione, sviluppata dal Comune di Milano e approvata dalla Giunta, è stata definita in un protocollo d’intesa fra Palazzo Marino e Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e sancita in un incontro avvenuto oggi con il direttore generale di ADM Marcello Minenna.

L’intervento è fra gli strumenti scelti da Palazzo Marino per valorizzare gli immobili di sua proprietà e in particolare per quelli in cattivo stato di manutenzione. In questo caso l’Amministrazione ha giudicato “non percorribile” l’alienazione a terzi di tutto o di una parte del fabbricato o un suo sviluppo strettamente “commerciale” e ha scelto la collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: impegnata in un’opera di riorganizzazione e razionalizzazione dei suoi uffici, lo scorso anno l’Agenzia ha preso contatti con il Comune per verificare la possibilità di affittare stabili comunali, con interventi di riqualificazione a suo carico. Dopo una serie di sopralluoghi, il suo interesse si è rivolto in prima battuta al complesso di corso di Porta Vigentina 15 e ad un’area, ora a verde incolto, in viale Monza 330.

Alla firma del protocollo seguirà un Tavolo Tecnico, che si occuperà delle valutazioni di fattibilità necessarie per sviluppare l’intervento. Il progetto prevede la riqualificazione del palazzo, che si svolgerà a tappe, senza allontanare i servizi che oggi vi sono ospitati. Gli uffici dell’Agenzia delle Dogane troveranno posto, con un contratto di 18 anni, in una porzione del complesso, che non solo manterrà il suo uso istituzionale e le sue attuali funzioni, ma verrà destinato a sede del Municipio 1. “Consistenti” le opere di restauro a carico del concessionario sull’immobile, seriamente ammalorato: i lavori di recupero sono urgenti, per la stessa sicurezza dei servizi ospitati.

Il canone d’affitto sarà fissato al tavolo Tecnico istituito tra le due amministrazioni. Quanto all’area di viale Monza, si propone un intervento che tutelerà il verde e lo renderà fruibile da parte dei cittadini.

Una nota storica
Il complesso di Palazzo Calchi Taeggi risale al Cinquecento. In origine vi trovava posto il monastero di San Bernardo, fino al 1506 di monache benedettine governate dai Padri Cistercensi di Chiaravalle, poi di monache domenicane. La attigua chiesa di San Bernardo, sempre cinquecentescae annessa al monastero, crollò nel 1971 durante lavori di restauro: sopravvivono solo i resti di tre cappelle laterali, visibili nell’area verde che fa parte della biblioteca rionale. Soppresso il monastero nel 1785, dal 1792 al 1935 fu sede del Collegio Calchi Taeggi, nato dalla fusione della Scuola della Carità, fondata nel 1516 da Gerolamo Calchi ed Elisabetta Bossi, con il collegio fondato nel 1556 da Ambrogio Giovanni Taeggi.
Il palazzo Calchi Taeggi è ricordato in “L’insurrezione di Milano” di Carlo Cattaneo: i suoi studenti e professori parteciparono alle Cinque Giornate nel marzo 1848, nella stessa estate ospitò il comando militare piemontese e il 5 agosto vi si rifugiò re Carlo Alberto sconfitto a Custoza. Gli austriaci chiusero poi il collegio per punirlo della partecipazione ai moti insurrezionali e vi insediarono una caserma.
Il complesso conserva nella corte interna il chiostro cinquecentesco del monastero, con portici su tutti i quattro lati e una aiuola centrale. Da lì si accede alla biblioteca rionale e alla scuola materna. Il cortile mette in comunicazione corso di Porta Vigentina con corso di Porta Romana attraverso dei giardini pubblici.

Referenze immagini: Comune di Milano

Porta Vigentina, Corso di Porta Vigentina, Palazzo Calchi Taeggi, corso di Porta Vigentina

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


One thought on “Milano | Porta Vigentina – Palazzo Calchi Taeggi sarà un nuovo polo di servizi civici: ristrutturazione integrale a carico dell’Agenzia delle Dogane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.