"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Aggiornamento cantiere Torre Unipol: 13 gennaio 2023

Aggiornamento del 13 gennaio 2023 dal cantiere di via Melchiorre Gioia a Porta Nuova, dove è in fase di completamento la costruzione della Torre Unipol, il grattacielo di circa 120 metri progettato dallo studio di Mario Cucinella Architects.

Come abbiamo visto, da più di un mese sono in corso i lavori per la realizzazione della spettacolare tettoia a sbalzo che caratterizzerà l’ingresso principale alla torre. Da quasi una settimana ormai i due bracci formati da travi tubolari sono giunti al contatto centrale formando l’arco che reggerà la struttura. Nel frattempo tecnici stanno lavorando in sommità delal torre per completare le coperture.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi; Duepiedisbagliati; UrbanUp Unipol

Tag: Torre Unipol, Mario Cucinella Architects, Porta Nuova, via Melchiorre Gioia




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


11 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Aggiornamento cantiere Torre Unipol: 13 gennaio 2023

  1. Anonimo

    ma stanno ancora lavorando alla tettoia all’ingresso?!?!

    Ci han messo meno gli antichi romani a costruire il Colosseo.

      1. Anonimo

        Ma in che modo lamentarsi del fatto che per costruire un grattacielo nano ci stiano mettendo 6 anni equivarrebbe a un isterismo da testosterone non sfogato?? Non mi è chiaro

  2. Anonimo

    Hanno iniziato con le palificazioni nel 2017… sei anni, un progetto impoverito ed essere ancora li a cincischiare con l’ingresso, sarà da uterini col testosterone azzerato notarlo, ma è un sacco di tempo (che son poi soldi)

    1. Alex

      Non credo che la costruzione di una lastra ortotropa di 45 metri per 14, con un peso di 745 tonnellate, a cavallo di due tunnel ferroviari si possa considerare una semplice palificazione. E anche poggiarci sopra 4.500 tonnellate di struttura in acciaio e 18.000 metri cubi di calcestruzzo non è esattamente una cosa ordinaria. Il tutto con una zona di cantiere grande come un fazzoletto e senza mai chiudere passaggi pedonali o stradali.

      La costruzione è cominciata l’8 ottobre 2018.
      La platea di fondazione è stata conclusa il 24 maggio 2019. Dall’avvio del cantiere sono passati 4 anni e 4 mesi. In mezzo ci sono state una pandemia, una crisi economica e una guerra.

      Se conoscete un’impresa in Italia che sarebbe riuscita a fare lo stesso lavoro in meno tempo, diteci il nome.

      1. Anonimo

        La frustrazione non è con l’Impresa, che credo sia probabilmente stata bravissima ma col progetto che iniziò meraviglioso e ogni aggiornamento che passa sembra sempre meno bello.

        Certamente se devi rattoppare e rimaneggiare il progetto in corso d’opera anche l’impresa mica può fare miracoli….

  3. A.

    Non importa quanto ci mettono, importa che ci mettono tanto per fare un grattacielo brutto. Il bello di questo grattacielo è rimasto nel rendering

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.