Milano | Bovisa – In arrivo un nuovo studentato in piazza Alfieri angolo via Bellagio

 Davanti alla stazione di Bovisa, tra via Bellagio e piazza Alfieri, sono cominciati da diverse settimane i lavori per la costruzione di un nuovo studentato, firmato dallo Studio Beretta e Nasini Architetti.

Struttura per residenze universitarie che prevede la collocazione di camere e alloggi per studenti a piani riservati, mentre ai piani terra e quinto sono posti i servizi comuni. Le aree collettive si completano con la presenza di terrazze (previste al quinto, sesto e decimo piano) e da un giardino di esclusiva pertinenza dello studentato e attrezzato per scopi ricreativi e sportivi. L’organizzazione planimetrica e gli assetti dei prospetti sono conseguenza delle specifiche tecniche e di sicurezza dell’impianto. La volumetria generale si è concentrata su un elemento principale a cui si agganciano, per addizione o inserimento trasversale, altri blocchi minori connessi tra loro. La giustapposizione delle parti è rafforzata dalla cromia alternata di due differenti finiture di facciata. I moduli finestra, fattore distintivo, nella loro modulare applicazione, degli alzati, sono costituiti da serramenti di colore bianco. Una parte sottostante inclinata, rivestita con una scossalina metallica del medesimo colore, permette lo scorrimento dell’acqua piovana e consente al contempo di aumentare visivamente le proporzioni delle aperture sulle facciate. Il piano terra è dotato di ampie vetrate che garantiscono una grande luminosità e fungono da filtro tra gli spazi dello studentato e il giardino interno.

Qui alcune immagini del cantiere nelle scorse settimane.

Referenze immagini: Beretta Associati; Roberto Arsuffi

Bovisa, Studentato, Beretta Associati, via Bellagio, piazza Alfieri

Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

9 commenti su “Milano | Bovisa – In arrivo un nuovo studentato in piazza Alfieri angolo via Bellagio”

  1. Ce n’è bisogno e posto in mezzo ai due “poli” ha molto senso.
    Solo due considerazioni:
    1. pensavo che la riqualificazione dell’area passasse da un masterplan, che comprendesse anche il progetto molecola. Come parla questo con quello? O col rifacimento della stazione, se mai si farà? O col prolungamento del 2 da Bausan fino a Villapizzone?
    2. conto almeno altri 3 studentati annunciati in zona (quello in molecola appunto, quello in durando, quello in baldinucci). Spero si sian fatti i loro conti.
    Comunque ogni sviluppo che porti vita la sera e nel we in zona è ben accetto.

    Rispondi
  2. Che architettura vecchia.
    Ma è possibile che in una città cone Milano si facciano ancora degli edifici che sembrano nati negli anni 80??

    Rispondi
  3. architettura orrenda… per gli studentati stili modernisti mi stanno pure bene (al contrario dei palazzi riqualificati vicino a quelli in liberty o in umbertino) ma questo davvero sa di scatola di cemento…

    Rispondi
  4. Gli studentati in bovisa sono nati vecchi, e anno fa. Non per niente questo è l’unico in partenza. Durando è fermo, avete lasciato fuori Cosenz fermo anche lui, tutti contavano sui finanziamenti tipo pnrr che sono stati rinviati 😪

    Rispondi
  5. L’architettura è orrenda, un cubotto di cemento delle peggiori tradizioni, anche se solo una elle, secondo me si poteva fare meglio. altra cosa che noto sono i 10 piani, mi sembrano troppi rispetto ai dintorni, forse si poteva fare più piccolo e dotare magari di attività del terziario utili alla zona.
    i davanzali in discesa sono aberranti, non si può mettere una pianta, un vaso, niente. i fronti lisci senza una ringhiera, un balcone o un aggetto che movimenti il prospetto sono un brutto esempio di architettura moderna per finta.
    Lo trovo veramente brutto.

    Rispondi
  6. Un orrore. Ancora una volta si pensa solo al rendimento economico e al mattone e in alcun modo a rendere più gentile e aggraziato l’ambiente in cui si vive. Tutto è squadrato, senza alcuna visione e ovviamente non ci si occupa della parte rimanente della piazza che è solo una grandiosa gittata di altro cemento

    Rispondi

Lascia un commento